Ciro di Marzio non è morto: i fan di Gomorra avevano ragione e Marco d’Amore sbarca al cinema

Ciro di Marzio torna dal mondo dei morti ma non per Gomorra 4, tutti i dettagli sul nuovo progetto

20
CONDIVISIONI

Marco d’Amore torna sullo schermo per vestire i panni di Ciro di Marzio ma chi pensa già alle famose bolle del finale della terza stagione di Gomorra farà meglio a riporre i propri sogni in un cassetto impolverato. Marco d’Amore tornerà a vestire i panni dell’Immortala in Gomorra 4? La risposta è categorica, ed è no. Mille volte lo ha ripetuto la produzione della serie: Gomorra non è un fantasy, anzi, e in quanto tale non è propensa a far tornare indietro i protagonisti dal mondo dei morti.

La buona notizia, però, è che l’Immortale tornerà e che i rumors su un nuovo progetto arrivano addirittura da oltroceano e dal sito americano Deadline che ha confermato l’inizio della lavorazione del film che racconterà le origini del personaggio. Marco D’Amore dovrebbe essere il regista e il protagonista del film dal titolo, provvisorio, L’Immortale con la produzione di Cattleya e che sarà distribuito in Italia da Vision Distribution società creata da Sky Italia insieme a altri produttori nazionali.

Al momento non ci sono altri dettagli sul prodotto ma la notizia ha già fatto il giro del mondo confermando le voci e i rumors che gli stessi attori di Gomorra avevano messo in giro nei giorni scorsi. Salvatore Esposito e Marco d’Amore hanno stuzzicato i fan pubblicando una serie di video e annunciando una novità importante ma senza rivelare il ritorno dell’Immortale per un film a lui dedicato.

Sembra che il progetto tratterà le origini del personaggio e dovrebbe essere una sorta di sequel della stessa GomorraMarco Tozzi di Cattleya ha spiegato al sito americano: “Racconterà come Ciro Di Marzio è diventato Immortale e il suo ingresso nel gruppo dei Savatano. Al centro ci sarà anche il terremoto del 1980 cui è sopravvissuto e che aiutò la camorra a rinascere in Campania“.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.