Il Paradiso delle Signore al via il 10 settembre in versione soap: i dettagli dalla conferenza stampa e la trama

I vertici Rai sono sicuri del successo de Il Paradiso delle Signore sia su Rai1 che in streaming, che la sfida abbia inizio

18
CONDIVISIONI

Una sfida. Così i rappresentati della produzione e il cast de Il Paradiso delle Signore ha presentato oggi la versione soap della fiction che da lunedì 10 settembre occuperà il pomeriggio di Rai1 a partire dalle 15.30. Fuori Giuseppe Zeno e Giusy Buscemi e i loro Pietro e Teresa, Il Paradiso delle Signore si prepara a ripartire da Alessandro Tersigni e il suo Vittorio conti che, dopo tre anni, trova la forza e le risorse necessarie per rimettere in piedi il sogno del suo defunto amico riaprendo il suo negozio.

Siamo nella Milano del 1959, a pochi mesi dall’arrivo del 1960 e siamo in un periodo di transizione e di cambiamenti e adesso Vittorio è pronto a rimettere insieme Il Paradiso delle Signore con nuovi colleghi, le veneri, nuovi nemici e una lunga serialità che terrà gli spettatori impegnati per 9 mesi e un totale di 180 puntate.

I vertici Rai sono convinti che niente si metterà tra il lancio della soap e gli obiettivi della rete visto che, a quell’ora, saranno terminate le soap di Canale 5 e il pubblico si sposterà su Rai1 per seguire Il Paradiso “non sarà costretto a scegliere tra gli stessi prodotti“, ma come la mettiamo con Uomini e donne?

La questione ascolti agita un po’ i vertici mentre la parola Daily aveva messo un po’ in crisi Alessandro Tersigni mentre Teodoli sembra pronto a tralasciare da parte la questione ascolti e si è detto convinto che la soap non dovrà per forza di cose seguite solo in diretta ma anche nelle ore seguenti, in quelle notturne e non solo in tv ma anche su smartphone e tablet all’insegna del cambiamento: “E’ un prodotto molto coerente per quanto riguarda la riconfigurazione con il pubblico e il nuovo pomeriggio di Rai1. Una nuova soap italiana mancava da molto tempo. Questa soap può dare una spinta alla macchina creativa riaprendo nuovi spiragli. Ringrazio tutti per questo prodotto che sarà sicuramente un successo“.

La trama ormai l’abbiamo annunciata qualche settimana ma, se qualcuno non la conoscesse ancora, eccola subito di seguito: Vittorio ha deciso di riaprire il Paradiso usando i finanziamenti di una potente famiglia milanese, i Guarnieri, gente senza scrupoli disposta a tutto per ottenere ciò che vuole, ma senza aver ancora capito di essere finito nelle mani del nemico. I Guarnieri sono coloro che ostacoleranno e minacceranno il successo
della sua operazione, interessati al terreno sul quale sorge il Paradiso per un importante affare edilizio. Se sul fronte lavorativo la vita di Vittorio non è semplice, ancora meno lo è su quello sentimentale nel quale è sempre legato ad Andreina Mandelli ma la madre, Marisa, è accusata di essere stata la mandante nell’omicidio di Mori, e per proteggerla va incontro ad una condanna che la spinge alla latitanza forzata.

La vita di Vittorio si complica ulteriormente quando conosce una nuova donna, Marta, la figlia più piccola dei Guarnieri, orfana di madre, dalla quale
ha ereditato il modo leggero e sfrontato di sfidare le convenzioni e la passione per la fotografia. Fin dal primo incontro, Marta e Vittorio faranno scintille condividendo il sogno di bellezza, modernità e futuro. A ostacolare il loro rapporto c’è la famiglia di lei, composta da suo padre Umberto e dalla zia Adelaide, che vogliono destinarla a un matrimonio d’interesse.

Anche lo spregiudicato e calcolatore Luca Spinelli ha puntato la giovane solo per mettere le mani sulle ricchezze della sua famiglia e riappropriarsi di quello che è stato sottratto ai suoi genitori durante la seconda guerra mondiale. Oltre a tutto questo, il Paradiso delle Signore è il teatro di altre storie come quelle della famiglia Cattaneo, la famiglia Amato arrivata dal Sud e le “Veneri” ovvero Clelia,Tina, Nicoletta, Roberta, Gabriella e tutte le altre giovani commesse del grande magazzino. Ecco le foto della conferenza stampa:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.