Ho. Mobile come Iliad Italia, forti limitazioni sulle vendite online delle SIM

Alcune precisazioni importanti dal nuovo operatore da prendere decisamente in considerazione oggi 3 luglio

7
CONDIVISIONI

Ci sono problematiche simili per Ho. Mobile e Iliad Italia in questo periodo, anche se per quest’ultimo operatore la questione che voglio trattare oggi si riferisce soprattutto ai primi giorni successivi al lancio sul mercato delle SIM. Dopo gli ultimi report che abbiamo condiviso con voi, in riferimento a quanto avvenuto subito dopo l’evento che ci ha mostrato tutto il potenziale dell’operatore low cost di Vodafone, oggi tocca analizzare una novità che ha sia degli aspetti positivi, sia alcuni risvolti negativi.

In particolare, a partire da oggi 3 luglio e fino a data da definire, il numero di SIM appartenenti a Ho. Mobile viene limitato a 500 unità al giorno. Un modo per far percepire un senso di correttezza del nuovo operatore, in quanto non si vogliono ricevere pagamenti da parte di utenti che rischierebbero di dover attendere alcuni giorni prima di veder partita la spedizione. Tutto questo evidenzia anche l’impatto avuto sul mercato italiano è probabilmente andato oltre le aspettative di questo marchi.

I recenti trend di mercato, esattamente come avvenuto a giugno con Iliad Italia, indicano che il valore in questione viene raggiunto molto rapidamente su base quotidiana, ragion per cui chi è interessato ad assicurarsi una nuova SIM con Ho. Mobile deve necessariamente velocizzare le operazioni. In sostanza, se da un lato tutti apprestano la sincerità di questo nuovo operatore, allo stesso tempo il disagio c’è e l’idea di dover “fare la fila” certo non entusiasma il pubblico.

A questo punto, tutto sta nel capire quanto tempo occorrerà prima di uscire da questa fase, in quanto anche dal punto di vista logistico Ho. Mobile deve dare importanti risposte sia al pubblico che ha deciso di provare questa strada, sia ai concorrenti diretti sempre più agguerriti qui in Italia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.