Ian Somerhalder a caccia di vampiri in V-Wars: i dettagli sulla serie Netflix con Damon Salvatore di The Vampire Diaries

Ian Somerhalder da vampiro a "cacciatore" nei panni del dottor Swann, tutte le novità su V-Wars, la nuova serie Netflix

8
CONDIVISIONI

Ian Somerhalder da vampiro a cacciatore, o quasi, per Netflix e la nuova V-Wars. Non sono ancora iniziate le riprese della nuova serie che vedrà come protagonista l’amato Damon Salvatore di The Vampire Diaries ma quello che è certo è che le novità non mancano.

Proprio in questi giorni sono stati annunciati altri nomi che faranno parte del cast della serie tratta dal libro di Jonathan Maberry. In particolare, si tratta di un volto noto di Arrow, Adrian Holmes, e di Jacky Lai, già vista in Beyond. I due attori si uniranno al cast di V-Wars al fianco di Ian Somerhalder per mettere insieme questa prima guerra dei vampiri.

Il protagonista di The Vampire Diaries sarà il dottor Luther Swann. Toccherà a lui iniziare ad esplorare il mondo dell’ignoto quando qualcosa lo sconvolgerà e lo toccherà da molto vicino. Come sempre accade la premiére ci regalerà l’evento scatenante di questa storia ovvero la trasformazione in vampiro del suo migliore amico Michael Fayne (interpretato da Adrian Holmes).

Da lì a poco questa sorta di malattia si diffonderà dividendo l’umanità intera in due fazioni: da una parte ci saranno le prede e dall’altra i predatori, al centro, invece, rimarrà proprio il dottor Swann pronto a capire cosa è successo e cercare un modo per fermare l’epidemia. L’amico, invece, diventerà il leader dei vampiri.

Jacky Lai vestirà i panni di Kaylee Vo una giornalista web in cerca di una svolta nella sua carriera, che sia proprio questo il caso giusto da seguirlo per ottenerla? Questo potrebbe indicare un lavoro (e non solo) fianco a fianco del dottor Swann. Brad Turner sarà il regista del pilot mentre William Laurin e Glenn Davis saranno showrunner della serie che dovrebbe arrivare su Netflix entro la fine dell’anno.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.