Nuove immagini per Red Dead Redemption 2 mostrano anche John Marston

Rivediamo il protagonista del capitolo del 2010 in questi nuovi screen di Red Dead Redemption 2.

4
CONDIVISIONI

Recentemente Rockstar Games ha pubblicato una serie di nuove immagini molto significative per il suo prossimo attesissimo titolo, Red Dead Redemption 2. Tutti questi screenshot sono stati pubblicati sugli account social media ufficiali di Rockstar Games: Facebook, Instagram e Twitter. Ognuno dei tre account ha offerto una serie di nuovi screenshot per i fan. In totale le immagini nuove sono otto e ciascuno degli screen mostra vari frammenti di gioco, oltre la sorpresa. Il mitico John Marston nella sua “divisa”, praticamente gli stessi vestiti del primo capitolo.

Ecco John Marston in Red Dead Redemption 2

Red Dead Redemption 2 è un prequel del titolo uscito nel 2010, Red Dead Redemption appunto, acclamato dalla critica. Ambientato nel 1899, un periodo in cui l’America era appena uscita dall’era selvaggia del west, vede la repressione delle bande più sanguinarie e un mondo totalmente cambiato. In Red Dead Redemption 2 i giocatori controllano Arthur Morgan, un membro fuorilegge della banda van der Linde. A capo uno degli storici personaggi, Dutch. La banda cerca di ribellarsi contro questa nuova era, l’era della legge.

Le nuove immagini sono visionabili in basso. Red Dead Redemption 2 uscirà il 26 ottobre per PlayStation 4 e Xbox One. Recentemente è stato pubblicato anche il terzo trailer che mostra di più della storia. Attualmente il preordine del gioco non è ancora disponibile ma immaginiamo che lo sarà a breve. Il gioco venderà come GTA 5? Non lo possiamo sapere, ma sappiamo anche che a breve verrà svelata anche la modalità multiplayer, quella su cui fondamentalmente ha continuato a prosperare GTA 5.

La volontà degli sviluppatori di Red Dead Redemption 2 è comunque quella di avere una risposta reale e veritiera nel momento in cui si entra per il mondo di gioco: tornerà il sistema basato sull’onore. Un comportamento onorevole dovrebbe infatti portare a una risposta diversa da parte dei personaggi non giocanti rispetto alle azioni da “bad boys”, con ripercussioni che potranno influire in maniera fattiva sulle componenti del gameplay.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.