Abbiamo una data per Asus ZenFone 4 e l’aggiornamento Oreo con TIM

Parla direttamente l'operatore, chiarendoci le idee su un appuntamento estremamente importante

2
CONDIVISIONI

Stiamo aspettando davvero oltre ogni previsione, ma a questo punto l’Asus ZenFone 4 dovrebbe essere realmente ad un passo dal rilascio dell’aggiornamento del sistema operativo Android Oreo. Dopo l’ultimo report pubblicato poche settimane fa su Optimagazine, in cui si brancolava nel buio su una questione ritenuta molto delicata dagli utenti, oggi 24 aprile finalmente possiamo nutrire qualche certezza in più in attesa di un passo ufficiale da parte del tanto discusso produttore.

Tutto merito di TIM e di un tweet pubblicato poco fa dalla compagnia telefonica ad una chiara domanda da parte del pubblico. Quando avremo modo di provare l’aggiornamento Android Oreo su Asus ZenFone 4? Secondo il messaggio dell’operatore l’appuntamento dovrebbe essere fissato entro la prima metà del mese di maggio, con interessanti effetti potenziali anche per il pubblico che in questi mesi ha deciso di puntare su altre versioni dello smartphone.

Nel caso in cui queste scadenze dovessero essere rispettate, infatti, il rilascio del medesimo pacchetto software per Asus ZenFone 4 no brand (la versione dello smartphone più popolare tra quelle in commercio da noi) potrebbe avvenire addirittura in anticipo. Insomma, a distanza di oltre un mese dalle prime segnalazioni di chi si ritrova con un Asus ZenFone 3 dotato dell’aggiornamento Android Oreo, finalmente questo paradosso per il produttore asiatico potrebbe avere i minuti contati.

Occhi aperti nel corso dei prossimi giorni, dunque, perché le diverse versioni dello stesso Asus ZenFone 4 che sono in commercio in Italia si apprestano effettivamente a toccare con mano un aggiornamento ritenuto cruciale. Cosa vi aspettate dal produttore asiatico arrivati a questo punto? I lavori per portare Android Oreo sul device si possono definire conclusi? Diteci pure la vostra.

 

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.