Nell’aggiornamento EMUI 8.1 l’esclusivo Huawei Share: di che stiamo parlando?

Il servizio Huawei Share sbarcherà sui dispositivi Huawei e Honor abilitati con l'aggiornamento EMUI 8.1

14
CONDIVISIONI

Tra le novità dell’aggiornamento EMUI 8.1, che sappiamo arriverà contemporaneamente ad Android 8.1 Oreo (ormai i due elementi viaggiano di pari passo), ritroviamo l’app Huawei Share, un servizio che il colosso cinese, a partire dal VP della divisione mobile Bruce Lee, ci ha tenuto in queste ore ad esaltare, descrivendone le principali funzionalità. I possessori degli ultimi Huawei P20 e P20 Pro possono già cimentarsi nell’utilizzo, e molto probabilmente sapranno già di cosa stiamo per parlarvi (lo stesso discorso potrà essere fatto nel breve per Honor 10, anch’esso predisposto fin dal lancio all’equipaggiamento con l’ultima versione dell’interfaccia grafica proprietaria).

Tutti gli altri device a marchio Huawei e Honor per cui è prevista la distribuzione dell’aggiornamento EMUI 8.1 potranno fruire dei vantaggi legati all’utilizzo di Huawei Share, che si presenta come un’applicazione progettata per lo sharing dei file salvati sul proprio dispositivo con un qualsiasi altro, a patto siano entrambi connessi alla stessa rete Wi-Fi. In tal modo, non incontrerete più alcuna difficoltà nel trasferimento di file importanti, a prescindere che si dialoghi con un altro dispositivo Android, un PC Windows o un Mac, grazie al coinvolgimento del protocollo SMB. Potrete anche dire addio a scomodi cavetti, estensioni particolari per OS X e ad altri programmi o supporti esterni, che non sempre ottemperano alla loro mansione con garanzia di sicura efficacia, e troppo spesso fanno perdere del tempo prezioso, che potreste dedicare a ben altre operazioni.

Huawei Share, incluso a partire dall’aggiornamento EMUI 8.1, vi consentirà il trasferimento di file anche di grandi dimensioni e la praticità di avere sempre a portata di mano le cartelle condivise. Una soluzione parecchio utile, che in molti potrebbero decidere di adottare nel quotidiano. Credete di essere tra questi? Fatecelo sapere attraverso il box dei commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.