Assassin’s Creed Origins avvia un nuovo arco narrativo, la storia di Giunone continua nei fumetti

Assassin's Creed Origins vuole dare una svolta totale per la serie, mettendo da parte elementi che prima erano cruciali come la figura di Giunone.

30
CONDIVISIONI

La saga di Assassin’s Creed, negli anni, ha introdotto numerosi elementi nel calderone della propria trama. A partire dal capitolo Brotherhood, però, aveva introdotto la figura di Giunone, una dei Precursori i cui intenti si sono rivelati malvagi e volti a estinguere la razza umana: una vera e propria villain, che ha provocato dapprima la morte di Lucy e poi, in Assassin’s Creed III, quella del povero Desmond, spostando l’attenzione della serie su protagonisti senza volto e dalla prospettiva in prima persona. Ora, a quanto pare, sembra che Ubisoft abbia voluto dare una svolta decisa con Assassin’s Creed Origins.

Un utente Twitter chiamato Loomer, noto insider dal mondo di Assassin’s Creed, ha partecipato alla Game Developer Conference di qualche giorno fa, nella quale Ubisoft ha parlato dei piani relativi al nuovo corso inaugurato da Assassin’s Creed Origins: in sostanza, il nuovo capitolo della serie ha inaugurato un nuovo arco narrativo, nel quale pare che non ci sia più spazio per Giunone, la cui storia continuerà altrove.

Proprio così: colei che, a conti fatti, era stata presentata come una villain per i protagonisti del presente – aveva palesato la sua presenza, dietro le quinte del racconto, anche nei capitoli successivi al terzo, dopo la morte di Desmond – non riceverà più spazio nei videogiochi della saga, ma continuerà e concluderà la propria storia nei fumetti, e più precisamente nella serie chiamata Assassin’s Creed Uprising, il cui ultimo numero uscirà ad agosto.

Ubisoft ha giustificato tale scelta col fatto che, ormai, i giocatori sono più interessati agli elementi storici del passato che a quelli del presente, e che la saga di Assassin’s Creed dovrà continuare in tal senso, e che Assassin’s Creed Origins non ha voluto menzionare in alcun modo collegamenti con l’arco narrativo di Giunone proprio per abbattere le barriere tra vecchi giocatori e nuovi, con questi ultimi che non avrebbero potuto cogliere le citazioni e il background.

 

Come ha fatto notare anche l’insider, però, potrebbe essere una scelta infelice, in quanto non permetterebbe a tutti i fan di conoscere la conclusione delle vicende legate a Giunone oltre al fatto che già da diversi capitoli – nei quali Giunone aveva ancora un ruolo nella trama del presente – la story line del presente era passata in secondo piano, sin dalla morte di Desmond.

 

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.