Il nuovo gioco Bethesda in produzione, cosa aspettarsi dopo Skyrim e Fallout 4

Alcune indiscrezioni puntano a Starfield, ne sapremo di più a giugno da Bethesda.

51
CONDIVISIONI

Tra poco vedremo il nuovo grande gioco di Bethesda, la casa di sviluppo famosa per titoli come Fallout 4 e Skyrim tra gli altri. I più attenti hanno sentito questa indiscrezione già negli scorsi mesi: Peter Hines infatti aveva annunciato l’uscita due nuovi giochi di cui però non stati svelati nemmeno i titoli, ma ora arriva una conferma dallo stesso capo di Bethesda Game Studios.

In una recente intervista con Ted Price di Insomniac, Howard ha detto che lo studio è in piena produzione del prossimo gioco tripla A e che è al lavoro su un nuovo motore per le animazioni, anche se verrà implementato in un gioco attualmente in pre produzione e che uscirà non a breve (forse su PS5?). Bethesda non avrebbe fatto in tempo ad utilizzare questo nuovo motore per un altro gioco che attualmente e in “piena produzione”, su cui sono state implementate le animazioni di Fallout 4.

Da queste dichiarazioni si potrebbe pensare che il nuovo gioco sarà davvero grande. La casa di sviluppo ha recentemente acquisito BattleCry Studios, chiamata ora Bethesda Game Studios Austin: questo vuol dire chiaramente che serviva nuova forza lavoro per sviluppare il nuovo gioco di Bethesda. Secondo altre indiscrezioni il gioco sarà Starfield, un nuovo RPG che si inserirà tra Fallout (passato) e The Elder Scrolls (futuro). Sapremo molto di più di questo nuovo gioco Bethesda di sicuro durante la prossima conferenza E3 2018 di giugno.

Voi cosa vi aspettate? Noi di sicuro non Fallout 5, è ancora troppo presto, mentre per The Elder Scrolls 6 sarebbe anche ora, dato che Skyrim è uscito anni fa. Noi siamo quasi sicuri che il sesto capitolo della longeva serie non sarà annunciato a questo E3, Skyrim è da poco uscito infatti i VR su Steam per PC e Bethesda vuole ancora sfruttarlo a dovere. Forse.

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.