Al completo Google Assistant in Italia: anche su smartphone Lollipop e tablet MarshMallow

Al gran completo Google Assistant: arrivato in Italia anche su smartphone Lollipop e tablet MarshMallow

1
CONDIVISIONI

Una storia a lieto fine quella legata al rilascio di Google Assistant in Italia, che ha finalmente raggiunto gli smartphone equipaggiati con Android Lollipop 5.0 e 5.1 ed i tablet con MarshMallow 6.0. Era il mese di novembre quando la distribuzione ebbe inizio, anche se a singhiozzo, e con criteri che francamente ancora ci sfuggono. Finalmente però il processo di capillarizzazione pare sia giunto al termine, coinvolgendo tutti gli attori protagonisti, nessuno escluso.

Se non l’avevate ancora ricevuto, verificate adesso: l’attivazione lato server di Google Assistant dovrebbe essere avvenuta con successo. Ricordiamo che non c’era versa di incentivarla, in quanto regolata da un processo automatico, e sui, per questo, non si poteva intervenire.

Per poter cominciare a fruire dell’assistente virtuale di Google, basterà effettuare una pressione prolungata sul tasto centrale del proprio dispositivo, e portare a termine la procedura di configurazione (solo la prima volta, dopo di che l’assistente virtuale memorizzerà le vostre preferenze fino al nuovo ordine). Ad ogni successivo avvio, Google Assistant si porrà direttamente in modalità di ascolto, pronto a soddisfare le vostre curiosità.

Un passaggio importante questo, anche per gli smartphone Android ed i tablet MarshMallow, che possono anch’essi contare su uno strumento di così grande utilità. Google Assistant, fatta eccezione di S Voice, resta l’unico assistente virtuale in lingua italiana disponibile nel nostro territorio, vista soprattutto la latitanza di Samsung Bixby, che ricordiamo essere disponibile solo in coreano, cinese, inglese americano e spagnolo, e tra l’altro solo per le più recenti generazioni top di gamma, quali Galaxy S9, S8 e Note 8.

Adesso che la diffusione di Google Assistant può dirsi finalmente completa in Italia, arrivata com’è anche a bordo degli smartphone Lollipop e dei tablet MarshMallow, quanti di voi correranno a metterlo alla prova con le più singolari domande? Fateci sapere :)

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.