Interessante alternativa Google Assistant GO per smartphone a basso prezzo

Proviamo ad elaborare una prima diagnosi sulle differenze tra Google Assistant GO e l'app originale oggi 31 gennaio

2
CONDIVISIONI

Sta arrivando in queste ore sul mercato degli smartphone Android una nuova ed interessante applicazione chiamata Google Assistant GO. Come potrete facilmente percepire, si tratta di una soluzione alternativa all’ormai celebre assistente vocale sfornato dal colosso di Mountain View nel corso degli ultimi mesi qui in Italia, dopo le anticipazioni condivise nella giornata di ieri a proposito di un aggiornamento che a stretto giro potrebbe essere distribuito su larga scala.

Quali sono le differenza tra Google Assistant e Google Assistant GO? Fondamentalmente, il secondo servizio già disponibile all’interno del Play Store è stato concepito per venire incontro alle esigenze di coloro che si ritrovano in possesso di smartphone o tablet Android “entry level”. Mi riferisco a quei prodotti acquistati a prezzo che, di conseguenza, mettono a disposizione del pubblico un comparto hardware davvero di basso livello. Ebbene, per garantire la piena compatibilità tra lo stesso assistente vocale e questi prodotti, oggi 31 gennaio possiamo concentrarci su un’apprezzabile alternativa anche per il pubblico italiano.

Andando più nello specifico, attraverso Google Assistant GO gli utenti potranno avere a disposizione un servizio con cui si sfrutteranno le funzioni base dell’assistente originale, come nel caso dei promemoria, fino ad arrivare a quelle riguardanti le ricerche su Google e la gestione multipla dei dispositivi associati al vostro smartphone all’interno di una casa. Insomma, se in queste settimane avete riscontrato qualche problema di funzionamento con Google Assistant, nulla vi vieta di testare quest’altra strada.

Come accennato in precedenza, Google Assistant GO risulta già disponibile all’interno del Play Store e a quanto pare ha avuto un impatto discreto sul mercato per chi si ritrova con uno smartphone o tablet Android di fascia bassa. Lo avete già provato? Quali sono le sensazioni maturate fino a questo momento?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.