Donald Trump contro Jay-Z, botta e risposta sul razzismo per l’espressione “cessi di paesi”

Il presidente degli Stati Uniti d'America Donald Trump contro Jay-Z, arriva via Twitter la replica alle accuse di ignoranza avanzate dal rapper

8
CONDIVISIONI

La replica puntuta di Donald Trump contro Jay-Z e le sue accuse di ignoranza è arrivata via Twitter. Il magnate che un anno fa si è insediato alla Casa Bianca con grande sorpresa di tutti continua ad avere un rapporto per nulla semplice con diverse celebrità, quasi tutte schierate contro le politiche della sua amministrazione.

L’ultimo in ordine di tempo a criticare le sue scelte era stato Jay-Z, che in un’intervista alla CNN sabato 27 gennaio ha commentato le controverse dichiarazioni che Donald Trump ha fatto in una riunione nello studio ovale, in cui ha annunciato nuovi provvedimenti restrittivi sul fronte dell’immigrazione e definito “cessi di paesi” le nazioni africane, Haiti ed El Salvador da cui arrivano molti degli immigrati negli Stati Uniti. Perché gli Stati Uniti dovrebbero avere tutta questa gente che arriva da questo cesso di Paesi? è la frase incriminata che ha attirato nuove critiche sul ruspante presidente, riportata da diversi testimoni e mai smentita dalla Casa Bianca.

Di origini afroamericane, il presidente di Roc Nation e marito di Beyoncé ha criticato duramente quell’espressione sostenendo che abbia ferito l’opinione pubblica perché frutto di pregiudizi ed ignoranza.

È come se si stesse rivolgendo a un popolo intero. Ma da persona molto disinformata, che non sa che quegli stessi paesi sono pieni di bellezze e di gente perbene.

La replica di Trump contro Jay-Z è arrivata il giorno dopo via Twitter: il presidente, forte dei dati sull’economia americana che danno i maggiori indicatori di crescita in continuo aumento, ha respinto al mittente le accuse di razzismo senza negare di aver usato quell’espressione orribile.

Qualcuno avverta Jay-Z che grazie alle mie politiche il tasso di disoccupazione tra i cittadini afroamericani è ridotto ai minimi storici.

Chissà se Jay-Z replicherà, magari dal palco dei Grammy Awards 2018 del 28 gennaio, cerimonia in cui potrebbe essere premiato per il suo ultimo album 4:44.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.