Problemi batteria Samsung Galaxy S8 Plus e Note 8, non si ricarica se azzerata: la dichiarazione di Samsung

Incresciosi episodi per non pochi utenti ma per il momento modelli italiani salvi? La nota ufficiale del produttore in merito alla questione.

5
CONDIVISIONI

Gran brutto affare quello relativo ai problemi di batteria di alcuni esemplari di Samsung Galaxy S8 Plus e Note 8 che raggiunta la percentuale di carica dell0 0% non si ricaricano più, in nessun modo. A nulla serve mantenere collegato il telefono a un cavo di alimentazione per più tempo, gli esemplari afflitti dall’anomalia restano completamente spenti senza dare segni di vita. Le  casistiche di questo tipo non sono certo diffuse in maniera capillare in tutto il mondo ma la la stessa Samsung non ha potuto ignorare le tante segnalazioni proposto e per questo ha appena rilasciato una sua dichiarazione ufficiale sulla questione che andremo qui a dettagliare.

I possessori di un Samsung Galaxy S8 Plus e di un Note 8 italiani sono tra gli interessati all’errore? Doveroso precisare immediatamente che i problemi di batteria qui segnalati sono per la maggior parte localizzati negli Stati Uniti, il che farebbe pensare ad un’anomalia relativa ad un lotto di produzione specifico, magari commercializzato solo oltreoceano (lo ricordo, qui è in distribuzione ad esempio la variante del Galaxy S8 Plus con chip Snapdragon e non Exynos come in Europa). Ad ogni modo però non possiamo affatto escludere del tutto che anche gli esemplari nostrani soffrano dello stesso difetto e dunque una volta scaricati completamente, non si rimettano in moto con la semplice ricarica (pur testando cavi USB diversi e sempre originali).

Cosa dice Samsung in merito ai problemi di batteria che interessano sia i Samsung Galaxy S8 Plus che i Note 8? Il produttore conferma di aver ricevuto diverse segnalazioni in proposito ma che queste sono in numero ancora esiguo. L’azienda invita tutti gli interessati a comunicare la loro esperienza e fornire tutte le informazioni dettagliate sul caso per far partire una doverosa indagine. Intanto chi possiede uno dei device colpiti dall’errore e giustamente ancora in garanzia, può sperare in una sua riparazione e magari sostituzione rivolgendosi ai classici canali di assistenza ufficiali. Qualcuno dei nostri lettori qui in Italia ha notato qualcosa di simile a quello qui raccontato sul suo smartphone?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.