Un trucco per attivare Google Assistant su Samsung, Huawei, ASUS ed Honor: la procedura

Dritte per testare il tanto discusso servizio, anche nel caso in cui, ufficialmente, non dovesse essere ancora compatibile col vostro smartphone

25
CONDIVISIONI

Rientrate ancora nei casi di coloro che non riscontrano la disponibilità di Google Assistant? Oggi 8 dicembre ho deciso di venire in vostro soccorso, fornendovi tutte le istruzioni del caso per sfruttare un trucco con cui testarlo in anteprima, al netto di tutti i discorsi riguardanti la compatibilità. Premesso che dovrete ripetere la procedura ad ogni suo avvio (l’effetto, infatti, è temporaneo nel vero senso della parola), si tratta comunque di un valido strumento per testare il servizio e comprendere da subito se valga la pena o meno attenderlo con trepidazione.

Dopo avervi spiegato i motivi per i quali ad alcuni utenti in possesso di smartphone Samsung, Huawei, ASUS ed Honor risulti non ancora disponibile Google Assistant, stavolta tocca dunque fare uno step ulteriore per venire incontro a questo segmento di pubblico. Quali step vanno seguiti? In primo luogo, è necessario recarsi all’interno dell’app Google, per poi seguire il percorso Impostazioni, Account e privacy, Account Google, Esci.

Arrivati a questo punto, attraverso il vostro tasto Home dovreste avere facile accesso alla procedura per attivare Google Assistant, quella ormai nota a tutti coloro per i quali il servizio risulta disponibile da alcune settimane a questa parte. Per completare l’iter, dovrete pronunciare “OK Google” 3 volte e a quel punto dovreste riscontrare il corretto funzionamento del vostro nuovo assistente. La particolarità di questo trucco, non propriamente positiva, sta non fatto che una volta chiuso il multitasking, riprovando ad utilizzare il tasto Home lo stesso Google Assistant dovrebbe non essere più raggiungibile.

Cosa vuol dire questo? Come premesso ad inizio articolo, per tornare ad utilizzare Google Assistant, dovrete necessariamente ripetere la procedura ogni volta che desidererete testarlo. Insomma, una sorta di demo, utile comunque per comprendere se questa novità di cui tutti parlano sia o meno in linea con le vostre aspettative.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.