Grey’s Anatomy 14×05 chiude il cerchio su Nathan e Megan, tra flashback e addii (recensione)

Grey's Anatomy 14x05 torna indietro nel tempo per focalizzarsi su Nathan, Owen, Teddy e Megan, attraverso flashback e addii. La recensione dell'episodio e il promo del 14x06.

688
CONDIVISIONI

Grey’s Anatomy 14×05 fa un grosso salto indietro nel tempo per concentrarsi sulle ferite e i traumi di guerra di Megan, Owen, Nathan e Teddy. Gli eventi passati porteranno dei cambiamenti per i quattro personaggi, con risvolti inaspettati e il conseguente addio di Martin Hendersen (interprete di Nathan Riggs) dalla serie.

L’episodio “Danger Zone” è l’occasione per esplorare il personaggio di Megan Hunt, il suo rapporto con Nathan Riggs, le sue dinamiche con il fratello Owen, e capire cos’è successo quando la donna è stata rapita in Iraq dieci anni prima. Tra flashback e momenti presenti, l’episodio funge da perfetto collante per esplorare nella memoria e capire quanto le persone siano cambiate.

I fratelli Hunt compiono un viaggio che da Seattle li porterà a Malibu, ma durante il tragitto si perdono nei ricordi ed emergono vecchi rancori. Megan accusa Owen di controllarla, un ‘vizio’ che pare aver sempre adottata nei suoi confronti. Per questo la donna racconta di aver cercato di essere migliore di lui in tutto, e la competitività tra loro era alle stelle anche durante il servizio militare in Iraq. La lite dà presto spazio alla riappacificazione e il confronto, alla fine del quale, Owen prenderà una decisione importante per la sua vita. La confessione sull’esser stata la prima a tradire Nathan, apre gli occhi a Owen: “Voglio vederti felice, anche se questo vuol dire rompere con alcuni dei tuoi ideali”, questo è l’augurio che la sorella gli rivolge. Una frase che suona profetica perché Owen ed Amelia giungeranno alla conclusione che è meglio separarsi, senza rimpianti: “Non siamo felici, lo so.”

Megan Hunt è un personaggio straordinario, una persona testarda e tutta d’un pezzo. Siamo abituati a odiare qualsiasi donna si ponga tra Meredith e il suo uomo, ma la moglie di Nathan si è insinuata nelle vite dei dottori di Seattle facendosi amare dalla protagonista – Meredith è stata la prima a spingere Riggs tra le braccia di sua moglie, forse perché in fondo crede nel vero amore, ed è colei che ha preso a cuore la sua operazione. Tornata in vita come per miracolo, Megan sogna di vivere finalmente come ha sempre voluto, in un paradiso come Malibu e al fianco dell’uomo che ama e del figlio adottato, Farouk.

Nathan Riggs ha imparato dai suoi errori. Dopo il tradimento, si convince a rimediare al suo imperdonabile errore dell’aver tradito la futura moglie, perché come dice Megan “è un bravo ragazzo”. Certo, lascia un po’ perplessi la sua proposta di matrimonio con il ciondolo della donna con cui l’ha tradita. Nel presente, però, lo troviamo indaffarato da uomo di casa mentre sistema la casa di Malibu insieme a Farouk. Teddy Atlman funge da coscienza per Nathan: è lei ad accorgersi per prima del suo tradimento, e con le sue sagge parole lo riporta sulla retta via.

Il pianto felice di Megan è liberatorio, e appartiene a una persona consapevole di aver avuto una seconda possibilità e che perciò non deve sprecarla, così come il sorriso che compare sul volto di Owen alla fine dell’episodio. Grey’s Anatomy 14×05 chiude il cerchio su Nathan e Megan, dando loro un lieto fine e un nuovo inizio. L’unica incognita resta Meredith: proprio ora che la dottoressa si era finalmente lasciata andare con lui, confidandosi e decidendo di ricominciare da zero dopo la morte di Derek, come reagirà alla partenza di Riggs?

Grey’s Anatomy torna giovedì prossimo su ABC con l’episodio 14×06:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.