Sotto accusa i colori del display di Google Pixel 2 XL, pronta la replica dell’azienda

Un'impostazione voluta, non un difetto di fabbrica: ecco spiegato il fenomeno dei display di Google Pixel 2 XL

1
CONDIVISIONI

Su Reddit si leggono già recensioni negative circa il display dei Google Pixel 2 XL (quello con tecnologia P-OLED). Alcuni utenti si sono lamentati circa la scarsa brillantezza e vividità dei colori, specie se rapportati ai pannelli utilizzati da Samsung per i suoi Galaxy.

Appreso il motivo di tanto dissentire, Big G ha preferito intervenire subito sulla questione, chiarendo che non si sta parlando di un difetto, ma di un’impostazione voluta, al fine da rendere i colori riprodotto dal display dei Google Pixel 2 XL il più naturali possibili.

Ecco la risposta, nel suo testo integrale (opportunamente tradotto):

“Abbiamo progettato il display dei Pixel per avere una resa più naturale e accurata dei colori quest’anno, ma sappiamo che alcune persone preferiscono colori più vividi e per questo abbiamo aggiunto un’opzione per aumentare la saturazione dei colori del 10 %. Stiamo tenendo d’occhio i pareri degli utenti e potremmo pensare di aggiungere, con un aggiornamento, altre opzioni per la calibrazione dei colori se riceveremo tanti feedback al riguardo”.

Non ci sarebbe motivo di preoccuparsi: quella che alcuni definiscono ‘anomalia’ altro non è che un accorgimento software, studiato appositamente da Google per i motivi sopra spiegati. Il colosso di Mountain View per i suoi Google Pixel 2 XL ha optato per una resa più dolce dei colori del pannello P-OLED, così da renderli più naturali e realistici.

Alcuni di voi, però, potrebbero preferire una riproduzione cromatica più vivida: nel momento in cui l’azienda dovesse rendersi conto di una sempre più crescente quantità di lamentele, non è escluso non possa introdurre un’opzione aggiuntiva per la calibrazione dei colori.

Tutto è bene quel che finisce bene, alla fine possiamo anche concludere con questa frase. I difetti dei Google Pixel 2 XL, ammesso e non concesso che ne abbia di importanti (il prezzo sicuramente, che tocca quasi la cifra dei 1000 euro in Italia), non sono riconducibili all’aspetto appena trattato: il caso è chiuso, almeno per adesso. Qualcuno di voi ha da dire qualcosa a riguardo? Utilizzate tranquillamente il box dei commenti sottostante :)

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.