Con la Notte della Taranta a Melpignano è no alla paura: in 200000 per Raphael Gualazzi e i suoi ospiti (foto e video)

La Notte della Taranta a Melpignano ribadisce il no alla paura: Raphael Gualazzi è il Maestro Concertatore dell'evento che ha raccolto 200000 persone.

7
CONDIVISIONI

La Notte della Taranta a Melpignano è il manifesto del no alla paura. Il tema principale scelto per la nuova edizione della manifestazione, a guida Raphael Gualazzi, ha ribadito la necessità assoluta dell’unione per sconfiggere un nemico troppo oscuro per essere ignorato, raccogliendo sul palco solo ospiti internazionali, da Suzanne Vega al chitarrista di David Bowie, Gerry Leonard. Sul palco anche i Boomdabash, attualmente in radio con il loro ultimo singolo.

La pizzica è l’antidoto al veleno sparso dal terrorismo, con l’eco dell’attentato di Barcellona che ancora non si è placato. Quanto a temi, la ventesima edizione della Notte della Taranta è quasi la copia di quella precedente, guidata da Carmen Consoli.

Se nel 2016, la centralità della narrazione si è basata sul terremoto in centro Italia e l’attentato a Nizza, quest’anno sono drammaticamente protagonisti quello di Barcellona e il terremoto a Ischia, che ha causato due morti e numerosi feriti.

La manifestazione si è svolta nel controllo più totale da parte delle forze dell’ordine, che non hanno lasciato nulla al caso all’ingresso dell’area del concerto. Da duemila a 200000 persone in una sola giornata, con lunghe file di partecipanti che hanno affollato i varchi fin dalle prime ore del pomeriggio. Ci sono gli utenti abituali ma anche gli appassionati che vengono da fuori regione, oltre ad alcuni ragazzi che hanno approfittato delle vacanze per conoscere la storica manifestazione che anima l’estate salentina da ormai 20 anni.

La Taranta di Raphael Gualazzi fa il giro del mondo, senza mai perdere di vista la tradizione ma con il jazz che diventa protagonista di una serata ricca di emozioni, plasmate nei corpi dei danzatori guidati da Luciano Cannito. La protagonista della manifestazione rimane comunque lei, la taranta, rimanendo ben presente nelle luci, nella musica e nell’anima della kermesse che si conferma il più grande successo dell’estate di Melpignano con una storia che dura da 20 anni.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.