Clamoroso, il Comicon 2017 potrebbe essere l’ultimo a Napoli: tutti i dettagli

Esclusiva OptiMagazine da fonte vicina all'organizzazione del Comicon vorrebbe la fiera lontana da Napoli per richieste economiche eccessive.

372
CONDIVISIONI

Il Comicon 2017 è ormai alle porte, con la kermesse napoletana dedicata al mondo dei fumetti e a quello dei videogiochi che si prepara ad aprire le proprie porte alle migliaia di appassionati che, dal 28 aprile al 1 maggio, affolleranno i padiglioni e i giardini della Mostra d’Oltremare di Napoli.

Già esauritissimi ovviamente gli abbonamenti per la quattro giorni fieristica di questo Comicon 2017, con i biglietti per il weekend che vanno via via verso il sold out.

Notizia delle ultime ore, proveniente da fonti anonime vicine all’organizzazione del Comicon, vorrebbe però la fiera lontana da Napoli nel futuro più prossimo: sembrerebbe infatti che il contratto per l’affitto di tutta l’area espositiva della Mostra d’Oltremare sarebbe stato firmato soltanto in questi ultimi giorni, con pretese economiche per il rinnovo della partnership ai limiti dell’assurdo.

Sembrerebbe infatti che, per poter usufruire degli spazi messi a disposizione di espositori e visitatori, gli organizzatori del Comicon avrebbero ricevuto richieste economiche eccessive rispetto a quelle attuali: una maggiorazione del fitto sostanziale che deve aver stizzito non poco la società, che quindi pondera in maniera effettiva di cambiare location per quello che potrebbe essere un Comicon 2018 “rivoluzionario”, con Bologna candidata in pole position per ospitare la kermesse.

Ricordiamo che la fiera ha ormai luogo nel capoluogo campano dall’ormai lontano 1998 e che, con l’unica pausa del 1999, si è susseguito senza sosta fino ad oggi, anno dopo anno, con la diciannovesima edizione, quella del Comicon 2017, che si appresta a prendere il via fra pochissime settimane. Discorso ovviamente a parte per la Gamecon, che comunque dal 2010 consente ai videogiochi di viaggiare a braccetto con i fumetti all’interno dei padiglioni della Mostra d’Oltremare.

Staremo a vedere come si evolverà la situazione, nella speranza che, grazie a una conciliazione, il ventennale della manifestazione dedicata a fumetti e videogiochi possa prendere vita ancora una volta lì dove è nata.

Lascia un commento: