Oscar 2017, la statuetta per trucco e acconciatura a Suicide Squad, un premio che parla italiano

I make up artist Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini vincono la statuetta per Suicide Squad. Un pezzetto di cinema italiano agli 89esimi premi Oscar, con due professionisti che lavorano sui set del grande cinema internazionale. E Bertolazzi dedica il premio "a tutti i migranti".

215
CONDIVISIONI

Il premio per il trucco e acconciatura degli Oscar 2017 va a Suicide Squad, il film di supereroi diretto da David Ayer. Ed è un riconoscimento che finalmente parla italiano: perché insieme a Christopher Nelson gli altri due vincitori della statuetta per il film sono i make up artist Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini.

Sulla carta il film favorito per l’Oscar era Star Trek Beyond, che i bookmakers davano a 1,33, ma visto che questa è l’unica categoria con tre candidati invece della solita cinquina, le chances di Suicide Squad, dato a 5, erano consistenti. Naturalmente per quel bizzarro impasto di commedia e fantascienza che è Suicide Squad, tratto dai fumetti della Dc Comics, l’apporto di trucco e acconciatura è un elemento assolutamente determinante per definire stile del racconto e carattere dei personaggi. Basti pensare infatti all’incredibile lavoro compiuto per il Joker di Jared Leto e l’Harley Queen di Margot Robbie, due veri capolavori del make up.

Nel discorso di ringraziamento, Alessandro Bertolazzi ha detto: “Ho aspettato cinquant’anni questo momento. Ringrazio il mio team e mia moglie Giovanna che mi ha sostenuto per tutta la mia vita”. E poi ha concluso con un riferimento all’attualità: “Io vengo dall’Italia e lavoro in tuto il mondo. Questo Oscar lo dedico a tutti i migranti”.

La notizia del premio per il trucco degli Oscar 2017 a Suicide Squad risolleva le sorti dell’Italia a un’edizione degli Academy Awards che, a parte Fuocoammare, candidato nella categoria documentario, non vedeva altri connazionali in corsa per la statuetta. Entrambi partiti dall’Italia, Gregorini e Bertolazzi, che spesso lavorano insieme, sono due professionisti richiestissimi sui set internazionali. Nella filmografia di Giorgio Gregorini ci sono infatti titoli come Moulin Rouge, Troy, Avengers: Age of Ultron.

Alessandro Bertolazzi fa parte della scuderia della celebre agenzia Milton e la sua vita si divide tra Londra e Los Angeles. Tra i suoi titoli ci sono J. Edgar di Clint Eastwood e il Bond movie Skyfall, ma i suoi inizi sono tutti italiani. Nato a Vercelli, è partito dal teatro per poi specializzarsi nel cinema. La svolta arriva con Malèna di Tornatore, dove lavora con Monica Bellucci: “Probabilmente è stata lei il mio ponte con il resto dell’Europa”, dichiarò tempo fa Bertolazzi. Così sono arrivati i primi titoli internazionali, Babel di Alejandro González Iñárritu, Angeli e demoni di Ron Howard.

Suicide Squad è stata una scommessa per Alessandro Bertolazzi: “Io sono il tipo che lavora sui film drammatici – ha dichiarato al Resto del Carlino – quando mi hanno chiamato per un film di supereroi tratto da un fumetto ho pensato: ma siete sicuri che io sia la persona giusta? Ero davvero spaventato”. Timori sicuramente svaniti, adesso che ha tra la mani la statuetta dell’Oscar 2017.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.