Doccia ghiacciata per l’LG G4 oggi 27 febbraio: salta l’aggiornamento Nougat

Come stanno le cose per il top di gamma 2015? Ecco le ultime notizie poco incoraggianti trapelate in mattinata

156
CONDIVISIONI

Da tempo sulle nostre pagine non vi parliamo del cosiddetto LG G4, alla luce anche dei numerosissimi problemi che hanno spinto non pochi utenti qui in Italia a disfarsi di un device commercializzato con grandi aspettative, ma in pochi mesi costretto ad andare incontro ad una fine poco decorosa. Dapprima i problemi bootloop, che hanno costretto LG a diramare più di una nota ufficiale per cercare di placare gli animi degli utenti, poi lo smartphone finito nel dimenticatoio dal punto di vista degli upgrade software.

Un’ulteriore mazzata a coloro che hanno deciso di restare fedeli all’LG G4, presentato esattamente due anni fa dal colosso coreano, è arrivata oggi 27 febbraio, almeno stando a quanto riportato da un sito come The Android Soul. Sto parlando del tanto atteso rilascio dell’aggiornamento del sistema operativo Android Nougat, che a quanto pare è stato cancellato dall’azienda asiatica per non precisati motivi.

La fonte cita personaggi interni al brand asiatico, che avrebbero appunto confermato una decisione che, al netto dei numerosi bug affrontati dallo stesso LG G4, appare davvero poco comprensibile. Vi ricordo, ad esempio, che lo smartphone venne presentato ad inizio 2015 insieme al Samsung Galaxy S6 al Samsung Galaxy S6 Edge e che per questi ultimi il rollout di Android Nougat è previsto nel giro di pochi giorni secondo le ultime notizie fornite da Samsung Turchia.

Insomma, prevedibile la reazione del pubblico che dispone ancora di un LG G4, ma allo stesso tempo non va ignorato il fatto che in giro ci sono diverse ROM alternative che potrebbero fare al caso vostro se siete ansiosi di toccare con mano l’aggiornamento Android Nougat. Nei prossimi giorni proveremo a presentarvi le soluzioni in questo momento più affidabili per il pubblico.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.