Eva Longoria sbarca in Empire 3 in versione dark lady: fermerà l’ascesa di Lucious o sarà sua complice?

Eva Longoria sbarca in Empire 3: sarà la rovina di Lucious oppure no?

7
CONDIVISIONI

Da ormai tre anni i fan di Empire 3 aspettano con ansia la guerra al vertice ed Eva Longoria potrebbe dare finalmente una svolta agli eventi. L’attrice nota per il suo ruolo in Desperate Housewives è alle prese con un valzer di serie tra comedy, drama e adesso anche Empire.

La terza stagione della serie Fox è pronta ad accogliere Eva Longoria per una serie di episodi che vedremo in primavera e in cui l’attrice potrebbe prestare il volto ad una vera e propria dark lady dai risvolti misteriosi. Secondo quanto ha riferito TvLine, sembra che la 41enne attrice presterà il volto a Charlotte dirigente della commissione gioco, proprio colei che potrebbe dare il via libera all’ascesa di Lucious o stroncarla sul nascere.

Il suo personaggio avrà a che fare proprio con il boss dell’Empire interpretato da Terrence Howard. Lyon è pronto ad allungare i tentacoli dell’Empire a Las Vegas. Il personaggio che si troverà davanti nei prossimi episodi nasconde corruzione e illegalità e proprio questo lascia pensare che i due potrebbero stringere addirittura un accordo che possa riempire le tasche di entrambi.

Longoria ha recentemente recitato nella comedy NBC, Telenovela cancellata lo scorso maggio dopo una sola stagione. Sarà questo il personaggio giusto per l’attrice dopo continui cambiamenti? I fan lo sperano anche se il confronto con Taraji P. Henson e con la sua Cookie sarà davvero difficile da reggere anche per la bella Gabrielle Solis.

Empire 3 ha preso il via lo scorso 21 settembre negli Usa e il primo novembre in Italia. Attualmente la serie è in pausa e solo il 22 marzo prossimo tornerà su Fox Usa con l’episodio 3×10 dal titolo “Keys to the Kingdom”. Eva Longoria dovrebbe prendere parte agli episodi in onda ad aprile, arriveranno foto dal set via social?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.