The Night Manager ai Golden Globes 2017 fa incetta di premi: niente per This Is Us e Game of Thrones (video)

Olivia Colman e Hugh Laurie di The Night Manager ai Golden Globes 2017 hanno trionfato come Miglior attore e attrice non protagonisti

10
CONDIVISIONI

Forse non avrà trionfato come Miglior miniserie, ma The Night Manager ai Golden Globes 2017 ha sicuramente lasciato il segno: Tom Hiddleston è stato premiato come Miglior attore protagonista di una miniserie o film per la tv, ma Olivia Colman e Hugh Laurie hanno sbaragliato la concorrenza trionfando come Miglior attrice non protagonista e Miglior attore non protagonista.

Per entrambi la sfida non era facile: gli attori non protagonisti sono raggruppati in un’unica categoria, che non tiene conto della natura drama, comedy o di miniserie della serie a cui hanno prestato il volto. Olivia Colman era candidata contro Chrissy Metz e Mandy Moore di This Is Us, Lena Headey di Game of Thrones e Thandie Newton di Westworld, mentre Hugh Laurie era in lizza per il premio insieme a Sterling K. Brown per The People v. O.J. Simpson: American Crime Story, John Lithgow di The Crown, Christian Slater di Mr. Robot e John Travolta per The People v. O.J. Simpson: American Crime Story.

La Colman ha dunque “battuto” ben quattro papabili vincitrici, riuscendo a strappare ancora una volta il premio a Lena Headey, candidata nella stessa categoria agli Emmy Awards 2016 e sorpassata allora da Maggie Smith. Proprio come la Lady Violet di Downton Abbey, anche Olivia Colman non era presente all’evento che l’ha premiata, e non ha potuto quindi tenere in mano la statuetta né fare un discorso di ringraziamento.

Hugh Laurie è invece salito sul palco del Beverly Hilton Hotel per ritirare il suo terzo Golden Globe, con un discorso in parte volto a ironizzare sulla presidenza di Donald Trump: “Grazie alla Hollywood Foreign Press Associated per questo incredibile onore… Immagino sia reso ancora più incredibile dal fatto che ho vinto all’ultima edizione di sempre dei Golden Globes. Non voglio essere cupo, è solo che dentro ci sono le parole Hollywood, Straniero [Foreign] e Stampa [Press], non so se… Penso che per alcuni Repubblicani questa associazione di parole risulti un po’ abbozzata” ha scherzato Laurie.

Hugh Laurie non è stata l’unica celebrity a remare pubblicamente contro Donald Trump durante la cerimonia dei Golden Globes 2017: anche Meryl Streep e Viola Davis hanno incluso nei loro discorsi di ringraziamento riferimenti più o meno pesanti al nuovo Presidente degli Stati Uniti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.