Golden Globes 2017, il trionfo di La La Land

Il musical di Damien Chazelle sbaraglia la concorrenza con un bottino pieno: 7 premi su 7 nomination. Successo personale del regista e degli interpreti Emma Stone e Ryan Gosling. Agli altri film solo le briciole. A questo punto "La La Land" è il favorito degli Oscar.

16
CONDIVISIONI

La notte dei Golden Globes 2017 segna il trionfo di La La Land. La 74esima edizione del premio assegnato dalla giuria dei giornalisti della stampa estera dell’HFPA-Hollywood Foreign Press Association incorona il musical diretto da Damien Chazelle, che ha ottenuto il bottino pieno, 7 premi su 7 nomination. La serata, trasmessa in Italia da Sky Atlantic, è stata presentata da Jimmy Fallon, il conduttore del Tonight Show della NBC.

Che La La Land fosse il film di questi Golden Globes 2017 lo si era capito sin dall’inizio, dal numero musicale di apertura della serata, ispirato a La La Land e ideato dallo stesso coreografo del film, Mandy Moore, con al centro Jimmy Fallon a ballare e suonare il piano come il protagonista del film Ryan Gosling, coadiuvato da star come Nicole Kidman ed Amy Adams, Ryan Reynolds e Justin Timberlake. E il maestro di cerimonie nel suo discorso d’apertura non poteva non lanciare una frecciata al neopresidente Donald Trump, celebrando i Golden Globes come “uno dei pochi posti rimasti dove l’America rende ancora onore al voto popolare”.

Il trionfo di La La Land ai Golden Globes 2017 nella categoria miglior film commedia o musicale, certifica lo status di grande autore hollywoodiano del precoce Damien Chazelle, 32 anni il prossimo 19 gennaio, che ottiene un doppio riconoscimento personale, per la regia e la sceneggiatura. “Io sono molto umilmente su questo palco”, ha detto, sottolineando quanto sia stato difficile realizzare un musical contemporaneo, il cui successo testimonia “come esista un pubblico anche per questo tipo di film”.

I Golden Globes 2017 segnano anche il trionfo personale dei due protagonisti di La La Land, Ryan Gosling ed Emma Stone, ai loro primi riconoscimenti importanti, quali migliori attori in un film commedia o musicale. Nel ricevere il premio come migliore protagonista maschile, Ryan Gosling ha detto: “Questo premio è per noi tre, Damien ed Emma. Non si può arrivare su questo palco senza il sostegno di tantissime persone. Sono riuscito a suonare il piano, a ballare a cantare e vivere una delle migliori esperienze della mia vita davanti a una telecamera”. E poi ha ringraziato la moglie Eva Mendes e ricordato il cognato, morto di cancro. Emma Stone invece ha ringraziato il regista Damien Chazelle, per la sua visione di un musical moderno e originale, e Ryan Gosling, “il migliore partner che si potesse immaginare”.

Il travolgente successo di La La Land ha posto inevitabilmente in secondo piano gli altri candidati più accreditati, Manchester by the Sea e Moonlight, che si sono dovuti accontentare delle briciole, un solo premio a testa. Casey Affleck, come largamente previsto, ha vinto quale miglior interprete drammatico ai Golden Globes 2017 per Manchester by the Sea: e l’attore ha ringraziato la partner Michelle Williams – “vorrei che fosse qui sul palco con me, perché lei ha fatto gran parte del lavoro” – e il produttore Matt Damon – “per il sostegno e l’amicizia”. Moonlight di Barry Jenkins ha invece vinto come miglior film drammatico. L’ultimo premio di categoria, quello per la migliore attrice drammatica è andato invece a Isabelle Huppert per Elle di Paul Verhoeven, che si è aggiudicato anche il riconoscimento come miglior film straniero, l’unica pellicola quindi, La La Land a parte, capace di portare a casa più di un riconoscimento.

Il momento più emozionante dei Golden Globes 2017 è stato il discorso di ringraziamento di Meryl Streep, a cui è stato assegnato il prestigioso Cecil B. DeMille Award. La Streep si è esibita in un discorso appassionato e molto politico, che è partito da un’orgogliosa perorazione del mestiere dell’attore, “uno dei segmenti più bistrattati della società americana”, è continuato con una feroce stilettata contro il presidente Trump – di cui ha ricordato con sarcasmo e rabbia trattenuta la più efficace prova d’attore dell’anno, l’imitazione di un giornalista disabile; “mi ha spezzato il cuore quando l’ho vista” – ed è terminato ricordando l’importanza, più che mai in questo momento, del ruolo della stampa. E quasi subito è giunta la reazione di Trump, che in un’intervista al New York Times ha bollato Meryl Streep come una “Hillary lover”.

Ecco tutti i premi per il cinema dei Golden Globes 2017:

Miglior film drammatico
Moonlight di Barry Jenkins (Vincitore)
La battaglia di Hacksaw Ridge di Mel Gibson
Hell or High Water di David Mackenzie
Lion. La strada verso casa di Garth Davis
Manchester by the Sea di Kenneth Lonergan

Miglior film commedia o musicale
La La Land di Damien Chazelle (Vincitore)
20th Century Women di Mike Mills
Florence di Stephen Frears
Deadpool di Tim Miller
Sing Street di John Carney

Miglior regista
Damien Chazelle, La La Land (Vincitore)
Tom Ford, Animali notturni
Mel Gibson, La battaglia di Hacksaw Ridge
Barry Jenkins, Moonlight
Kenneth Lonergan, Manchester by the Sea

Miglior attore in un film drammatico
Casey Affleck, Manchester by the Sea (Vincitore)
Joel Edgerton, Loving
Andrew Garfield, La battaglia di Hacksaw Ridge
Viggo Mortensen, Captain Fantastic
Denzel Washington, Barriere

Migliore attrice in un film drammatico
Isabelle Huppert, Elle (Vincitrice)
Amy Adams, Arrival
Jessica Chastain, Miss Sloane
Ruth Negga, Loving
Natalie Portman, Jackie

Miglior attore in un film commedia o musicale
Ryan Gosling, La La Land (Vincitore)
Hugh Grant, Foster
Colin Farrell, The Lobster
Ryan Reynolds, Deadpool
Jonah Hill, Trafficanti

Migliore attrice in un film commedia o musicale
Emma Stone, La La Land (Vincitrice)
Annette Bening, 20th Century Women
Lily Collins, L’eccezione alla regola
Hailee Steinfeld, The Edge of Seventeen
Meryl Streep, Florence

Miglior attore non protagonista
Aaron Taylor-Johnson, Animali notturni (Vincitore)
Mahershala Ali, Moonlight
Jeff Bridges, Hell or High Water
Dev Patel, Lion. La strada verso casa
Simon Helberg, Florence

Migliore attrice non protagonista
Viola Davis, Barriere (Vincitrice)
Naomie Harris, Moonlight
Nicole Kidman, Lion. La strada verso casa
Octavia Spencer, Il diritto di contare
Michelle Williams, Manchester by the Sea

Migliore sceneggiatura
Damien Chazelle, La La Land (Vincitore)
Tom Ford, Animali notturni
Barry Jenkins, Moonlight
Kenneth Lonergan, Manchester by the Sea
Taylor Sheridan, Hell Or High Water

Migliore colonna sonora originale
Justin Hurwitz, La La Land (Vincitore)
Johann Johannsson, Arrival
Nicholas Britell, Moonlight
Hans Zimmer, Pharrell Williams, Benjamin Wallfisch, Il diritto di contare
Dustin O’Halloran, Hauschka, Lion. La strada verso casa

Migliore canzone originale
City Of Stars, musica di Justin Hurwitz, versi di Benj Pasek e Justin Paul, La La Land (Vincitore)
Cant Stop The Feeling, Trolls
Faith, Sing
Gold, Gold
How Far I’ll Go, Oceania

Miglior film straniero
Elle di Paul Verhoeven (Vincitore)
Divines di Houda Benyamina
Neruda di Pablo Larraín
Il cliente di Asghar Farhadi
Toni Erdmann di Maren Ade

Miglior film d’animazione
Zootropolis di Byron Howard e Rich Moore (Vincitore)
La mia vita da zucchina di Claude Barras
Kubo e la spada magica di Travis Knight
Oceania di Ron Clements e John Musker
Sing di Garth Jennings

Premio Cecil B. DeMille
Meryl Streep

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.