Salvatore Esposito nello spot Dacia offende Napoli e i napoletani (Video)? La replica dell’attore

Piovono polemiche sul nuovo spot che vede Salvatore Esposito protagonista, storie inutili oppure no?

7
CONDIVISIONI

Anno nuovo, vita nuova ma polemiche vecchie, trite e ritrite perchè in Italia spesso fa più scalpore la farfallina di Belen Rodriguez, la messa in onda di Gomorra e Salvatore Esposito nello spot Dacia che argomenti più seri.

Questioni impellenti non finiscono in tendenza o in trend topic su Twitter quanto critiche futili e banali di chi continua ad accusare tutto e tutti di fare cattiva pubblicità ad una città o un luogo che, forse, la cattiva pubblicità se la fa da solo.

In questi giorni di Epifania e di fine delle feste natalizie l’unico pensiero degli italiani è il fatto che Salvatore Esposito abbia girato uno spot per un’auto e che lo abbia fatto per i vicoli di Napoli. Fin qui niente di male se non fosse che nella sua folle corsa, proprio a mezzanotte, sul tetto della sua auto siano arrivati piatti lanciati dai balconi, per strada si trovassero vecchi materassi e addirittura bidoni della spazzatura usati per gioco.

Ed ecco qui che entra in gioco la famosa questione etica. Salvatore Esposito ha accettato di fare lo spot per soldi nonostante questo significasse una cattiva pubblicità per la sua Napoli oppure è chi vede il marcio in un piccolo spot che non si erge a documentario o inchiesta?

Il pubblico si divide e sui social è battaglia. Da una parte c’è chi vede un attacco a Napoli, seguendo il filone che vede la serie Gomorra già processata e accusata per lo stesso reato, e chi difende Salvatore Esposito per essere un bravo ragazzo che da sempre ha proclamato il suo amore per la città in cui vive con la sua famiglia.

A commenti acidi e cattivi ha voluto rispondere l’attore di Gomorra che ha pubblicato la sua replica sul suo profilo Facebook usando parole che pesano come un macigno sulla coscienza di alcuni ma che non guarisce l’orgoglio ferito di altri.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.