Prossimo aggiornamento Google Chrome, dimezzato il consumo RAM: Firefox e Safari in difficoltà?

Google Chrome in netto miglioramento dal prossimo upgrade, bisognerà aspettare il 6 dicembre

Il prossimo aggiornamento Google Chrome gioverà particolarmente ai suoi utilizzatori. In rilascio a partire dal 6 dicembre, la release che verrà sarà ottimizzata per consumare il 50 % di RAM in meno.

Naturalmente, percepiranno di più la differenza quegli internauti abituati ad aprire più tab in contemporanea (giusto quella decina da parte di chi, per lavoro o per diletto, preferisce tenere sott’occhio tutte le informazioni necessarie senza essere costretto ad aprire e chiudere le stesse pagine), così come gli possiede device dal basso quantitativo di memoria volatile (in via di estinzione, ma pur sempre presenti).

Si parla, ad essere precisi, di un’ottimizzazione di JavaScript V8, che contribuirà in maniera decisa ad abbattere i consumi di cui sopra, per una migliore esperienza utente. Basta rallentamenti nell’upload di pagine (comprese quelle più pesanti), potrete andarci giù tranquilli. Un motivo in più per utilizzare Google Chrome, che dal prossimo aggiornamento in poi promette di fare salti di gigante.

Certo, tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare, immaginiamo che prima di cantare vittoria vogliate provare di persona la release di dicembre, per testare con mano le reali performance apportate dall’upgrade. Abbiate pazienza, in fondo si tratta di un aggiornamento ancora piuttosto lontano. Per il momento bisognerà accontentarsi dell’attuale resa, che, detto tra di noi, non ci sembra affatto male.

Vedremo come risponderanno Mozilla Firefox e Safari, tra i principali concorrenti di Google Chrome (esclusi i browser web minori, proprie di una nicchia ben radicata, ma comunque inferiore alla media generale). Speriamo proprio che l’attesa sia ripagata, gli utilizzatori di Google Chrome sono pronti a ringraziare. Voi che idea vi siete fatti?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.