Imminente svolta per OnePlus X: svelati i tempi di rilascio per l’aggiornamento MarshMallow

Quando arriverà l'ultimo upgrade di un certo peso per lo smartphone? Ecco come stanno realmente le cose per il device

Ci apprestiamo a vivere un periodo piuttosto intenso per tutti coloro che sono in possesso di un OnePlus X. Lo smartphone, pur non essendo più recentissimo, si accinge a ricevere l’aggiornamento del sistema operativo Android MarshMallow, almeno stando a quanto annunciato dal produttore nel corso delle ultime ore rispondendo ad una serie di domande del pubblico su Reddit.

Mi riferisco al rilascio via OTA di un pacchetto software attesissimo, anche perché si tratta di un dispositivo che ha registrato un discreto successo qui in Italia. Quali sono i tempi necessari affinché si possa sbloccare definitivamente la situazione? Il produttore ha dichiarato senza troppi giri di parole che l’appuntamento è fissato durante la prossima settimana, anche se non sono state ufficializzate date specifiche sotto questo punto di vista.

Insomma, la situazione è ormai prossima a sbloccarsi, per la felicità di coloro che dispongono di un OnePlus X e che allo stesso tempo attendono la disponibilità dell’upgrade via OTA prima di procedere in modo definitivo. Fin qui le buone notizie, mentre quelle negative investono per forza di cose il futuro a lungo termine dello smartphone. Come era facile preventivare, infatti, Android MarshMallow sarà l’ultimo upgrade significativo per questo device.

Tutta “colpa” dell’apporto limitato del processore Snapdragon 801, che spegne a conti fatti tutto l’entusiasmo dei possessori di un OnePlus X in vista di nuovi rilasci. La questione va dunque monitorata giorno dopo giorno e noi di OptiMagazine ovviamente lo faremo per voi nei prossimi giorni, sperando chiaramente che l’upgrade non abbia effetti negativi nei confronti dello smartphone. E voi avete già testato qualche ROM? Quali sono stati gli effetti di Android MarshMallow su un device come OnePlus X?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.