Samsung Galaxy Note 3 Neo: ottimo l’aggiornamento XXUDPF1, speranze per MarshMallow?

Bastone e carota per il Samsung Galaxy Note 3 Neo, non dimenticato, ma non miracolato

Solo qualche giorno fa il Samsung Galaxy Note 3 Neo ha compiuto un importante passo verso un aggiornamento che sembra averlo rigenerato un bel po’, almeno stando ai primi feedback raccolti. Si trattava, nello specifico, di un pacchetto abbastanza recente, anche se purtroppo sempre basato su Android 5.1.1 Lollipop (non c’è nemmeno di che meravigliarsi, basti pensare che il Note 3, suo fratello maggiore, non si schioda da Android 5.0).

Il firmware N7505XXUDPF1, datato 14 giugno 2016, reca con sé anche la patch di sicurezza di giugno, un traguardo comunque rilevante considerata la caratura del device, e l’età che ormai comincia a farsi sentire (la precedente generazione software risultava contraddistinta da una patch risalente al mese di febbraio). Il pacchetto ha un peso di 70 MB, ed ormai dovrebbe avervi colpiti un po’ tutti, chi prima, chi dopo, nel corso di questi giorni.

Coloro che l’hanno installato parlano di un ottimo aggiornamento, non temete, dunque, se ancora non sapete bene se procedere o meno all’upgrade, non dovrebbe causarvi problemi, ma solo apportare una serie di benefici. Il Samsung Galaxy Note 3 Neo, infatti, pare aver guadagnato in stabilità e velocità di esecuzione, senza perdere efficienza lato batteria, altro elemento imprescindibile nell’utilizzo quotidiano di uno smartphone.

Dopo aver decantato l’ultimo pacchetto, veniamo al nocciolo della questione, di risposta alle tante domande che ci sono giunte in Redazione in questo periodo. Sulla scia dell’entusiasmo del firmware di cui sopra, in tanti ci avete chiesto se ci fossero speranze per il Samsung Galaxy Note 3 Neo di passare oltre ad Android MarshMallow 6.0.

Ebbene, dispiace deludervi, ma non crediamo affatto possa esserci qualche possibilità. La major-release in questione è stata resa disponibile dal Note 4 in poi, quindi inutile continuare a sperarci (poi tutto può succedere, non mettiamo il carro davanti ai buoi). Siamo stati abbastanza esaustivi? Se avete altre domande, fate pure.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.