Nessun jailbreak iOS 9.3.3 a pagamento: tweak Cydia rimborsabili, parola di Saurik

Saurik avverte gli utenti e conferma la buona notizia per Cydia. Le ultimissime sul jailbreak.

8
CONDIVISIONI

Il jailbreak iOS 9.3.3 è realtà da oramai due settimane, con un primo rilascio del tool di Pangu in cinese e solo dopo anche in inglese. Tuttavia, sono in molti a non aver effettuato ancora la procedura di sblocco ed in effetti proprio per questi ultimi, sono in serbo delle nuove truffe. Novità interessantissime riguardano poi anche i tweak Cydia.

Il fondatore di Cydia, Saurik, in queste ore, ha messo in guardia tutti gli utenti dalla minaccia di uno o più tool per il jailbreak iOS 9.3.3 a pagamento. Come sottolinea anche l’esperto e magari non proprio tutti sanno (magari soprattutto chi si avvicina per la prima volta a questo mondo), il tool di Pangu è completamente gratuito. Chiunque proponga, al prezzo di circa 20 dollari, la procedura di sblocco e sicuramente un malintenzionato interessato “solo” ad accaparrarsi la cifra su indicata nelle migliore delle ipotesi o peggio anche dei dati sensibili, come quelli di accesso alle carte di credito.

Oltre al giusto monito di Saurik sul jailbreak iOS 9.3.3, una splendida notizia per tutti coloro che ora più che mai sono a caccia del miglior tweak Cydia del momento. Sempre il fondatore di Cydia ha dato la lieta novella: chi provvederà all’installazione di un paccchetto ma, entro 24 ore, cambierà idea, allora potrà ottenere l’intero rimborso di quanto speso. Non c’è che dire, davvero interessante per gli indecisi o comunque, in questo modi,si potranno testare tweak altrimenti da acquistare solo a scatola chiusa, senza alcun feedback personale.

Nessuna novità, invece, per l’accusa al tool di Pangu di essere stata  responsabile dell’accesso agli account  personali PayPal e dei social, di molti utenti. Gli hacker hanno confermato la sua estraneità ai fatti, mentre i veri responsabili, probabilmente, sono ancora a piede libero.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.