Non basta il Sony Xperia X, all’IFA 2016 l’Xperia F8331

Il Sony Xperia X non è stato d'aiuto all'azienda, che guarda già avanti

Dopo il Sony Xperia X, vi sareste aspettati il Sony Xperia Z6? Molto probabilmente non sarà così, anche se l’azienda nipponica pare essere a lavoro su un prossimo top di gamma, meglio conosciuto con la sigla F8331. Non sappiamo fornirvi altri dettagli sul possibile nome che caratterizzerà il dispositivo, sebbene in rete siano trapelate delle immagini che sembrerebbero raffigurarlo.

GSMArena ha provveduto a divulgarle, anche se purtroppo non possiamo garantire per il risultato. Il terminale rappresentato risulta contraddistinto, ancora una volta, dal design Omnibalance, che speravamo fosse ormai superato. Noi per primi ci auguravamo la società giapponese stesse concependo un device diverso, davvero innovativo, in programma per il 2017.

Questo F8331 presenta superiormente ed inferiormente dei bordi rettilinei, mentre i laterali seguono una sorta di curvatura per migliore l’ergonomia del dispositivo. Non ci sono tasti fisici sul lato frontale, tutti quelli presenti sono collocati lateralmente (compreso il lettore di impronte digitali). La fotocamera principale è posizionata in alto a sinistra (munita di flash dual-LED). Nella parte sottostante si scorgerebbe il supporto all’USB Type-C, standard finora sposato solo da Google, OnePlus e Meizu.

Per quanto riguarda le specifiche tecniche, non sappiamo quanto il nuovo device si avvicinerà al Sony Xperia X. Per adesso è venuto fuori presenterà una risoluzione FullHD con diagonale da 5.2 pollici e vetro curvo 2.5D. Ci sarebbe l’NFC, e sia la fotocamera posteriore che quella anteriore sarebbero in grado di registrare video in 4K.

Non abbiamo alcuna informazione relativamente a processore, RAM, risoluzione fotocamere e capacità della batteria. Questo fantomatico F8331, eventuale successore del Sony Xperia X, potrebbe essere presentato a margine dell’IFA 2016 di Berlino, in programma per i primi di settembre.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.