Uscita Samsung Galaxy Note 7: conferme dalla certificazione e prime differenze con il Note 5

Quale evoluzione tra Note 7 e Note 5? Dalla Russia giunge conferma dell'ultimo passaggio.

4
CONDIVISIONI

Il Samsung Galaxy Note 7 in uscita con molte probabilità il 2 agosto è stato appena certificato in Russia. Non che si avessero particolari dubbi sulla sua esistenza ma il passaggio è un’ulteriore conferma che il lancio del phablet è davvero dietro l’angolo, come ampiamente anticipato nelle ultime settimane. L’importante step è avvenuto lo scorso 29 giugno, in pratica una settimana fa, ma reso noto solo ora.

Sembra proprio che almeno una variante del Samsung Galaxy Note 7 sarà etichettata con il seguente codice: SM-N930FD. L’ultima lettera “D” della sigla indicherebbe un modello dual SIM. Facendo riferimento al recente passato, è improbabile che un modello così sia previsto per l’Italia visto che da sempre i device commercializzati da noi sono quasi sempre con un unico slot SIM integrato.  In ogni caso, magari, lo smartphone in arrivo da noi differirà da quello certificato in Russia solo per questa caratteristica.

Nella giornata di ieri, le ultime novità sul Samsung Galaxy Note 7 e sul suo arrivo insieme ad una S Pen ridisegnata e con nuove funzionalità utili per gli utenti. Ma quali le differenze con il Note 5? Una prima comparativa (almeno su determinate specifiche) è possibile, partendo dal display. Il nuovo phablet 2016 non dovrebbe avere una diagonale diversa dal suo predecessore, dunque dovrebbero essere confermati i 5.7 pollici.

Se sul Samsung Galaxy Note 5 nel modello giunto in Italia è stato impiegato un chip proprietario Samsung Exynos 7420, il Note 7 dovrebbe ospitare uno Snapdragon 821 o comunque una componente più aggiornata rispetto allo Snapdragon 820 ora di scena su numerosi top di gamma appena lanciati. Al posto dei 4 GB di RAM dell’anno scorso, ecco comparire 6 GB di RAM: ancora, la vecchia fotocamera  da 16 MP sarà sostituita da quella in uso sul Samsung Galaxy S7 con tecnologia UltraPixel, Dunque, benché da soli 12 MP, i risultati dovrebbe essere comunque garantiti. Non ci resta che attendere qualche settimana. Davvero ora il Note 7 è dietro l’angolo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.