Riecco il Samsung Galaxy Note 3: aggiornamento N9005XXUGBPF5 a sorpresa oggi 30 giugno

Spunta una novità imprevista e piacevole per il device lanciato sul mercato nel 2013. Ecco il link al download

94
CONDIVISIONI

Da diverse settimane non si sono più verificati i presupposti per parlarvi del Samsung Galaxy Note 3, complice il fatto che il produttore coreano ha a conti fatti sospeso lo sviluppo software di un device che in Italia e nel resto d’Europa ha venduto più di quanto ci si potesse attendere. Oggi però una mossa a sorpresa da parte dell’azienda, visto che è stata avviata sul mercato la distribuzione dell’aggiornamento N9005XXUGBPF5.

A cosa serva realmente il pacchetto software che in queste ore ha visto la luce negli Emirati Arabi, e che nel corso dei prossimi giorni sarà distribuito anche nei vari Paesi, al momento non è dato saperlo. Considerando il fatto che siamo ancora fermi ad Android Lollipop 5.0, è probabile che ci si ritrovi al cospetto di un minor upgrade concepito prevalentemente per migliorare le prestazioni generali dello smartphone.

Altrettanto probabile, fino a quando non sarà reso ufficiale il changelog del nuovo aggiornamento per il Samsung Galaxy Note 3, che sia stata attualizzata contestualmente la patch di sicurezza per un device rimasto parecchio indietro in questi mesi su un argomento che sta parecchio a cuore al produttore coreano. Maggiori certezze sotto questo punto di vista, per forza di cose, si potranno avere solo nel corso delle prossime ore, mentre per ora posso condividere il link al download via Odin.

Insomma, al dì là della natura di questo nuovo aggiornamento, per il quale verranno alla luce ulteriori dettagli solo nel corso dei prossimi giorni, ritengo che sia decisamente incoraggiante il fatto che dal produttore coreano sia giunto un segnale di vita per uno smartphone che, è bene ricordarlo, è stato lanciato sul mercato nel 2013. Avete già testato il nuovo pacchetto software sfornato per il Samsung Galaxy Note 3?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.