Meizu Pro 6 eguaglia Vivo XPlay 5: blocco RAM da 6 GB, ma non solo

Cresce l'attesa per il Meizu Pro 6, pronto a rispondere all'attacco del Vivo XPlay 5

12
CONDIVISIONI

Credete che Vivo XPlay 5 sia l’unico a disporre di un blocco RAM da 6 GB? Occhio al Meizu Pro 6, che potrebbe eguagliare il record offrendo prestazioni da primo della classa. Il device, che farà capolino nel periodo compreso tra agosto e settembre prossimo, dovrebbe presentarsi in due diverse configurazioni: quella base con 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna, e quella più avanzata, con 6 GB di RAM e 128 GB di storage.

Un gioiello davvero niente male, che manterrà la risoluzione FullHD, e monterà sotto il cofano l’Exynos 8870 (variante meno potente dell’Exynos 8890 con cui è stato equipaggiato il Samsung Galaxy S7, anche se non si esclude possa presentare proprio lo stesso SoC). Presenti il supporto alla Quick Charge, il Force Touch e l’Hi-Fi 3.0. Il display dovrebbe offrire delle curvature ai lati, ed il corpo essere forgiato in metallo, il tutto condito dall’esperienza della Flyme 6.0, che vanta parecchi ammiratori.

Naturalmente è presto per fare proclami: spesso e volentieri le indiscrezioni provenienti dal territorio cinese si contraddicono, quindi vi invitiamo a non prendere troppo sul serio quanto sopra detto (od almeno a non darlo per assolutamente certo, potreste restarne delusi). Meizu, d’altro canto, da qui ai prossimi mesi presenterà tanti altri prodotti, tra cui il tanto atteso MX6, in programma per maggio, o giù di lì (con Helio X20).

Insomma, potremmo assistere al lancio di una miriade di prodotti piuttosto interessanti, senza nulla togliere al sopra menzionato Vivo XPlay 5, che nei giorni passati ha calamitato su di sé l’attenzione per gli utenti proprio per l’offerta di un blocco RAM da 6 GB (cose che non si vedono mica tutti i giorni). Farà lo stesso il Meizu Pro 6? Molto probabilmente sì, anche se ci sarà da attendere ancora un bel po’.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.