Verso l’uscita del Samsung Galaxy S7: chiarimento sui modelli brandizzati e l’arrivo in Italia

Importante riassunto delle ultime novità che ci stanno accompagnando alla commercializzazione dello smartphone e della sua versione Edge

7
CONDIVISIONI

Con l’arrivo del mese di marzo diventa sempre più calda la questione relativa all’uscita dei Samsung Galaxy S7 e Samsung Galaxy S7 Edge sul mercato. Anche quello italiano. A tal proposito ci sono almeno due notizie sulle quali è opportuno soffermarsi in queste ore, in attesa che arrivi l’11 marzo per l’avvio della distribuzione su larga scala del device (anche per coloro che frequentano il nostro gruppo Facebook).

In primo luogo, ritengo opportuno tornare su un elemento venuto alla luce alcuni giorni fa e a conti fatti mai realmente ufficializzato dal produttore coreano. Sto parlando dell’impossibilità di utilizzare SIM relative ad operatori diversi rispetto al brand con il quale si acquisterà un Samsung Galaxy S7 o un Samsung Galaxy S7 Edge. La notizia è stata riportata alcuni giorni fa da SamMobile, anche se solo in termini ipotetici, ma tanto era bastato per fare piuttosto rumore.

Ebbene, di recente ho cercato di ottenere dei chiarimenti direttamente da Samsung Italia contattando l’azienda attraverso la pagina Facebook ufficiale. Credo che il feedback ricevuto sia interessante:

“Ciao Pasquale, si tratta di rumors non confermati per il nostro mercato. Riceviamo quotidianamente news sui nuovi Galaxy S7, seguici per essere sempre aggiornato. Buona giornata!”.

Insomma, ad oggi pare non esserci ancora una chiara strategia per il Samsung Galaxy S7 ed il Samsung Galaxy S7 Edge che verranno commercializzati attraverso gli operatori nei vari Paesi, ma è chiaro che le indiscrezioni dei giorni scorsi vanno monitorate con grande attenzione dagli appassionati.

Sempre secondo quanto riportato da SamMobile in queste ore, restando in tema di device brandizzati, pare che negli Stati Uniti l’operatore T-Mobile abbia consegnato già i primi Samsung Galaxy S7 acquistati in preordine. Casi isolati e nemmeno così poco frequenti osservando quanto avvenuto con il Samsung Galaxy S6, ma ugualmente in grado di destare sempre grande curiosità. E voi avete già portato a termine il preordine?

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.