Sbloccare un iPhone 5C? Bill Gates si schiera contro Apple e Zuckerberg

Il fondatore di Microsoft ha deciso di dire la sua in merito alla delicata contrapposizione tra Apple e l'FBI

7
CONDIVISIONI

Sbloccare un iPhone è possibile? E nella fattispecie un iPhone 5C? La scorsa settimana la risposta è giunta direttamente da McAfee, il quale con la sfacciataggine che lo contraddistingue ha dichiarato senza giri di parole che potrebbe impiegare pochi minuti nell’accontentare le richieste dell’FBI. Le stesse che ad oggi non sono state prese in considerazione da Apple.

Il brand di Cupertino, pur mostrando collaborazione nelle indagini sul terrorista che si è reso protagonista della strage di San Bernardino (ricordiamo che era in possesso proprio di un iPhone 5C), non intende assicurare alle autorità il software necessario per lo sblocco del modello. Dopo il supporto arrivato da Google e da Mark Zuckerberg, Apple stavolta incassa un parere negativo dal fondatore di Microsoft.

Fondamentalmente il pensiero di Bill Gates sulla vicenda è questo:

“Nessuno qui sta parlando di backdoor! Qui si tratta di un caso specifico nel quale il governo ha chiesto di accedere ad alcune informazioni. Non stanno chiedendo qualcosa di generale, stanno chiedendo qualcosa di specifico. […] Apple ha accesso a questo informazioni, stanno solo rifiutando di fornirle. […] È come chiedersi se sia lecito richiedere ad un operatore telefonico o ad una banca alcune informazioni. È come se una banca metta un nastro attorno ad un hard disk e dica ‘Non me lo fate tagliare perché poi mi farete tagliare anche quelli di tanti altri”.

Insomma, tesi diametralmente opposta rispetto a quella assunta da Mark Zuckerberg di Facebook, e persino quella annunciata ufficialmente da Google, nonostante la grande rivalità con la mela morsicata. Per tutti coloro che intendono approfondire la vicenda, in ogni caso, è possibile godersi l’intervista integrale rilasciata da Bill Gates in merito alla possibilità di sbloccare un iPhone per questione di sicurezza nazionale.

https://youtu.be/pkohiZEUOiw

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.