Bastano 100 euro per un nuovo smartphone, ecco perché

Non serve di certo snevarsi per portarsi a casa un device che faccia bene il proprio dovere

7
CONDIVISIONI

Bastano 100 euro per portarsi a casa uno smartphone dignitoso? Se fino ad un paio di anni fa vi avremmo detto di no, adesso le carte in tavola sono decisamente cambiate.

Guardare ai top di gamma (quanto di meglio ciascuna casa riesce ad offrire) non sempre è la scelta più intelligente, specie se non si pretende chissà cosa dal proprio dispositivo.

Bisogna farsi furbi e non lasciarsi abbindolare dalla pubblicità: forse ancora non ve ne siete resi conto, ma attualmente non serve spendere una cifra astronomica per fare un buon affare.

Rispetto a qualche tempo fa, gli entry-level di ultima generazione hanno qualche marcia in più, proviamo a vedere quale.

1. AMPIA COMPATIBILITA’
Dapprima pensare di utilizzare Skype a bordo di un device di fascia bassa avrebbe fatto storcere il naso ai più, adesso la cosa è più che fattibile. Le applicazioni di utilizzo comune (quelle di cui proprio non si può fare a meno) girano alla perfezione su smartphone che non costano un occhio dalla testa: WhatsApp, Facebook Messenger, Chrome, e chi più ne ha più ne metta, risultano tutte perfettamente supportate anche da telefoni dal valore di 100 euro. Basta che non vi mettete in testa di farci girare giochi 3D, quello sarebbe un problema.

2. FOTOCAMERA
Ormai quasi tutti gli entry-level degni di questo nome adottano per il sensore posteriore lo standard degli 8 MP, cosa impensabile fino a poco fa. A questa risoluzione potrete catturare scatti niente male, senza precludervi nulla. Dite pure addio alle foto sgranate, quell’epoca è finita.

3. DESIGN
Prima, quando si trattava di acquistare un telefono economico non si andava tanto per il sottile, ed il design nemmeno lo si guardava. Ora puntando su un certo tipo di dispositivo non solo spenderete poco, ma potrete anche portarvi a casa un esemplare dalle forme intriganti. Ce ne sono molti anche piuttosto carini da vedere.

Per farvela breve, non sempre bisogna per forza investire una fortuna nell’acquisto di un nuovo telefono, né serve più accontentarsi del minimo sindacale come succedeva un paio d’anni fa. La tecnologia ha fatto passi da gigante, tanto da costringere i produttori a potenziare anche i propri entry-level, perché non approfittarne? La palla passa a voi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.