Aggioramento Huawei P8 Lite (italiano), quali le prossime mosse dell’azienda?

Cosa aspettarsi dalla casa madre in merito a questa delicata questione?

Che dire dell’Huawei P8 Lite? Come abbiamo più volte ribadito, trattasi di un terminale molto interessante, facile da reperire anche intorno ai 200 euro. Il rapporto qualità/prezzo è ottimo, state sicuri. Se ci state facendo un pensierino, probabile siate proiettati nella giusta direzione.

Vi state chiedendo che considerazione avrà il produttore per l’Huawei P8 Lite? Vi informiamo subito che la versione americana del device (con sigla ALE-L04) è stata aggiornata ad Android 5.1 Lollipop, lanciato a suo tempo con Android 4.4 KitKat.

C’è subito da fare una differenziazione tra questo ed il modello commercializzato presso il nostro mercato, innanzitutto a livello di processore, e poi di versione OS montata di default. Quello americano si ritrova a bordo lo Snapdragon 615 (lanciato, per l’appunto, con Android 4.4 KitKat), quello europeo con Kirin 620, ed Android 5.0 Lollipop.

In ogni caso, il suddetto aggiornamento sopra menzionato, purtroppo, cancellerà tutti i dati presenti all’interno dell’Huawei P8 Lite. Tra l’altro, l’installazione richiederà la realizzazione di alcune operazioni non comuni ai neofiti. Bisognerà scaricare il relativo pacchetto e decomprimerlo, per poi spostarlo nella scheda SD (necessari almeno 4 GB di spazio) del dispositivo, e flasharlo. I file saranno due, quello più snello per preparare il terminale all’upgrade, e quello più grande per l’installazione dell’intera ROM.

La notizia del rilascio di Android 5.1 sulla versione americana di Huawei P8 Lite potrà anche non interessare direttamente i nostri modelli, ma resta comunque importante in ottica futura. Qualcosa si sta sbloccando: non sarebbe male ricevere adesso, o tra poco tempo, Android 5.1, per poi passare ad Android 6.0 nel Q1 2016 (tempistica in linea con quella di molti device concorrenti). Staremo a vedere.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.