LG G4 e Samsung Galaxy S6 sui 200 euro? Striscia La Notizia torna da CityToys (video)

Il titolare dello store dai prezzi fuori norma rilascia una nuova intervista per la popolare trasmissione televisiva. Le ultime per i clienti

54
CONDIVISIONI

Torno a parlarvi del caso CityToys Cassino, l’ormai famoso store online che consentirebbe di acquistare smartphone di fascia altra (tra cui l’LG G4 ed il Samsung Galaxy S6) a prezzo davvero fuori dalla norma. Gli sconti proposti dal rivenditore, ma soprattutto le lamentele degli utenti che a distanza di mesi non hanno ancora ricevuto la merce, ha portato i media ad interessarsi al caso, senza dimenticare che la scorsa settimana vi abbiamo riportato la nostra intervista al titolare del negozio.

Ieri sera Luca Abete di Striscia La Notizia è tornato a far visita proprio a Luigi De Rosa, il quale ha dichiarato all’interno dell’intervista di aver avviato le consegne e i rimborsi per la merce non ricevuta, con una serie di parentesi da non perdere, anche in riferimento a quello che sta capitando da un po’ di tempo a questa parte sui social network.

Ovviamente noi di OptiMagazine restiamo disponibili sia con il signor De Rosa di CityToys, sia con Antonio Greco di Tutelelegali, nel caso in cui dovesse esserci l’ulteriore necessità di rilasciare interviste per chiarire ulteriori aspetti di questa scomoda vicenda.

Al momento non mi resta che lasciarvi al video relativo al servizio di Luca Abete, sperando che per gli acquirenti di un LG G4, di un Samsung Galaxy S6 e di tutti gli altri modelli apparsi all’interno della piattaforma in questi mesi, la situazione possa risolversi nel più breve tempo possibile.

 

MINACCE di MORTE al TELEFONO!Gli ho chiesto: “Scusi ma lei è affidabile?”Lui risponde: “NO”…e dopo la scazzottata, stasera abbiamo sentito anche le minacce al telefono! Ora aspettiamo i rimborsi dei telefonini!!!>>>GUARDA il VIDEO<<<

Posted by Luca Abete – official page on Giovedì 8 ottobre 2015

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.