Jailbreak iOS 8.3 e 8.4: cento motivi per cui vale la pena (VIDEO)

Siete ancora scettici a riguardo? Date un'occhiata a questo filmato

7
CONDIVISIONI

Il jailbreak iOS 8.3 e 8.4 è ormai realtà da più di qualche giorno per la gioia di chi proprio non riesce a farne a meno. Proprio in queste ore è stato rilasciato un ulteriore aggiornamento, che porta TaiG alla versione 2.3.1, un’iterazione che include Cydia 1.1.20.

Se siete tra quelli che hanno già provveduto ad installare il tool di sblocco, non dovrete che accogliere l’aggiornamento notificato in Cydia. Se, di controparte, non avete ancora proceduto, scegliete quest’ultima versione ed effettuate le operazioni di jailbreaking ex novo.

Ancora scettici a riguardo? Joel Barron, il talento che muove i fili di JBTech17, ha deciso di realizzare un video che spiega le 100 ragioni per cui vale la pena effettuare il jailbreak iOS 8.3 e 8.4. In pratica, all’interno troverete una panoramica dei 100 differenti tweaks in grado di funzionare alla perfezione con quest’ultima versione del jailbreak.

Dopo averne preso visione, sarete voi stessi a decidere se procedere con lo sblocco del vostro dispositivo, o lasciare le cose come stanno. La consapevolezza innanzitutto, sarete d’accordo immaginiamo. C’è chi, a distanza di anni, continua ad apprezzare molto il tool, che regala un’esperienza iOS quanto più aperta possibile.

Certo, il jailbreak iOS 8.3 e 8.4 può invalidare la garanzia, così come qualsiasi altro trucchetto tecnico, i rischi sono imprevedibili. Tuttavia, gli strumenti a nostra disposizione sono diventati talmente raffinati da consentire di effettuare la procedura con un semplice click. Vi lasciamo al video di Joel Barron. Fateci sapere cosa deciderete di fare.

Commenti (2):
Jack

Perché il tool Taig (sia v. 2200 che v.2300) con itunes all’ultima versione, iphone 6 con iOS 8.4 non mi riconosce il dispositivo? Ho provato a installare di nuovo itunes e il firmware 8.4 ma non cambia la situazione. Grazie in anticipo

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.