Dopo HTC One M9, HTC Aero la svolta: rivoluzione nel comparto fotografico?

Rumor provenienti dal mercato asiatico parlano dall'impegno profuso dall'azienda taiwanese nel dar corpo alla fotocamera di HTC Aero, nome in codice del terminale che dovrebbe essere presentato in autunno.

7
CONDIVISIONI

Nuove indiscrezioni per il prossimo dispositivo del produttore taiwanese, conosciuto col nome di HTC Aero e destinato a prendere il posto del top gamma HTC One M9. Anticipato da Evan Blass, meglio noto su Twitter come evleaks, il nuovo prodotto dal nome in codice HTC Aero sarà presentato durante il quarto trimestre e, secondo un recente rumor proveniente dal mercato asiatico, nello specifico dal sito htcviet.vn, il dispositivo dovrebbe introdurre novità sia dal punto di vista hardware, sia per quanto riguarda la gestione software della fotocamera – rispetto alle precedenti generazioni come HTC One M9, criticati dai più a causa dello scadente reparto fotografico.

Leggi anche: Dopo l’HTC One M9, in arrivo HTC Aero: ecco perché si tratterà di un dispositivo top gamma

HTC Aero dovrà farsi carico di un compito gravoso: risollevare il destino di HTC, dopo le scarse vendite dell’HTC One M9. Il produttore è cosciente della necessità di presentare un nuovo modello in grado di catturare in maniera importante l’attenzione del pubblico. In tal senso vorrei ricordare le precedenti dichiarazioni dei vertici di HTC che, in occasione dell’assemblea con gli azionisti del 2 giugno scorso, avevano confermato l’arrivo di un nuovo ‘hero product’: un top gamma previsto per il mese di ottobre.

La fotocamera di HTC Aero avrà un’apertura di f / 1.9, consentendo dunque agli utenti di scattare foto in alta qualità anche in condizioni di scarsa illuminazione. Inoltre, in base alle ultime indiscrezioni, HTC dovrebbe introdurre il formato RAW, oltre alla possibilità di apportare interessanti modifiche che consentiranno anche di gestire manualmente i parametri di scatto.

A voi i commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.