Aggiornamento Android 5.1 Lollipop per Samsung Galaxy Note 2 confermato: perché crederci

Nonostante Android Lollipop sembrava essere sempre più lontano, ieri i colleghi di SamMobile hanno dichiarato che l’ultima versione del robottino verde verrà presto distribuita per il phablet di seconda generazione.

15
CONDIVISIONI

Samsung e il supporto software ai suoi dispositivi mobile sono sempre stati un tema di dibattito nella comunità di appassionati (e non). Spesso l’azienda è stata criticata dagli utenti di non garantire pieno supporto i suoi device, come il Galaxy Note 2, phablet top di gamma del 2012.

Non molto tempo fa, secondo quanto dichiarato da Samsung Gulf (la filiale araba dell’azienda) in risposta a un utente su Facebook:

L’aggiornamento a Lollipop non sarà distribuito per il Galaxy Note 2.

Successivamente, la filiale spagnola dell’azienda di Seoul ha scritto su Twitter:

Sì, Galaxy Note 2 riceverà l’aggiornamento qualora durante lo sviluppo non dovessero sorgere problemi.

Nella giornata di ieri sono emerse interessanti indiscrezioni sull’aggiornamento ad Android Lollipop, le quali farebbero pensare che Samsung non abbia ancora abbandonato il Galaxy Note 2. Secondo quanto dichiarato dai colleghi di SamMobile l’aggiornamento ad Android 5.1 Lollipop per il Galaxy Note 2 ci sarà.

Galaxy Note 2 Lollipop - SamMobile

Certamente SamMobile non è sono solita dare una notizia ricevuta dal proprio “insider” senza avere la reale certezza che l’informazione sia sicura, motivo per il quale siamo certi che il phablet riceverà l’update.

D’altronde, Galaxy Note 2 è un phablet ancora molto valido grazie ad un display da 5,5″ FullHD (1280×720), processore Exynos 4412 quad-core e 2GB di RAM che associati ad una batteria da 3.100 mAh, assicurano una delle migliori autonomie in circolazione. La scheda tecnica fa del Galaxy Note 2 un dispositivo che è particolarmente apprezzato anche attualmente, nonostante sia datato 2012.

Commenti (2):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.