Daddy’s home – un’insana competizione fra padri

L’accoppiata Will Ferrell - Mark Wahlberg promette situazioni rocambolesche e convincenti per una commedia. Daddy’s home discute e fa sorridere su contesti ormai più che diffusi: tipologie di famiglie che una volta sembravano l’eccezione, ma che ormai rappresentano la regola. O quasi.

1
CONDIVISIONI

Beh, certo che questa commedia provocherà sicuramente qualche risata amara. Per il semplice fatto che di situazioni “atipiche” (e sottolineo il virgolettato…), come quella descritta appunto dalla trama di questo Daddy’s home, ormai ce ne sono sempre più, inutile negarlo. Certo poi che ci sarebbe da discutere questa presunta atipicità del contesto, ma ovviamente siamo qui per scrivere, con leggerezza, di questa nuova commedia, non per sviscerare teorie sociologiche e quant’altro.

Lei, questa nuova commedia che per l’appunto, si intitola Daddy’s home, racconta di Brad, un tranquillissimo e pacato professionista della radio, interpretato da Will Ferrell, professionalmente appagato (è un dirigente), che cerca di dare il meglio di sé per accattivarsi le simpatie dei figli della sua compagna, con la quale convive serenamente. Le cose sembrano andare per il meglio, fino a quando si rifà vivo Dusty, il padre naturale dei pargoli. Il problema è evidente: il padre naturale, interpretato da Mark Wahlberg sembra avere tutti i numeri per essere un tipo in gamba, ha ovviamente un grosso feeling con i figli ed è anche, per così dire, esteticamente molto competitivo: insomma un tipo molto figo. A questo punto il mite dirigete radiofonico cerca di dare più che il meglio di sé, per dimostrarsi migliore agli occhi dei ragazzini: i risultati, inutile dirlo, sono a dir poco esilaranti.

Torna quindi la coppia apparentemente “amorfa” di Will Ferrell (di lui ne abbiamo parlato giusto pochi giorni fa, proprio qui) e Mark Wahlberg; i due si erano già incontrati nella pellicola I poliziotti di riserva (The Other Guys), film distribuito negli USA e in altri Paesi, ma non Italia (dove è uscito direttamente in home video nel 2011). Francamente le immagini di questo primo trailer risultano simpatiche, divertenti: di qui la speranza di vedere la pellicola anche in Italia. Al momento infatti si conosce solo la data di distribuzione nelle sale USA, che è quella del prossimo Natale. Staremo a vedere. La regia di Daddy’s home è firmata da Sean Anders e John Morris, mentre alla sceneggiatura hanno contribuito Brian Burns, Sean Anders, John Morris, Etan Cohen, Chris Henchy e Adam McKay. C’è il trailer a seguire.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.