Perché acquistare il Surface 3? La risposta da Microsoft nel nuovo video spot

Così Microsoft presenta il filmato che ha lo scopo di dimostrare le potenzialità della Surface Pen abbinata a Surface 3.

7
CONDIVISIONI

Microsoft continua la sua campagna marketing dedicata a Surface 3: a differenza del Surface Pro 3, la più recente incarnazione dei tablet della casa di Redmond adotta uno schermo da 10,8 pollici FullHD, una dimensione più compatta ma pur sempre adatta alla produttività. Il processore non è un Intel Core, ma un Intel Atom x7-Z8700 quad-core da 1,6GHz (che si può spingere fino a 2,4GHz), che utilizza lo stesso chip grafico degli Intel Broadwell. Due le edizioni in commercio: una con 2GB di RAM e 64GB di memoria interna (espandibile fino a 128 GB) e un’altra con 4 GB di RAM e 128GB di memoria interna. Ma soprattutto, si pone come un’alternativa economica (e meno performante) rispetto al modello “Pro”.

Nel nuovo video spot, Microsoft esalta le prestazioni della Surface Pen: la penna per Surface 3 è reattiva e precisa, dando l’esperienza di scrittura più naturale possibile su un tablet. La penna per Surface somiglia più a una penna tradizionale che alla solito stilo digitale. Inoltre, grazie ai 256 livelli di sensibilità di pressione, è facile disegnare, prendere appunti o scrivere musica. Il pulsante per il clic destro sul lato della penna permette di visualizzare le opzioni di formattazione, mentre il pulsante di cancellazione trasforma la punta della penna in una gomma, per consentire di fare modifiche veloci agli appunti.

Utilizzando solo un Microsoft Surface 3, la Surface Pen e l’applicazione Fresh Pain, un artista ricrea un capolavoro di 200 anni fa, mostrando la natura senza tempo dell’arte e la potenza della moderna tecnologia.

Il nuovo Surface 3 di Microsoft sarà venduto in Italia con prezzi a partire da 609,90 euro per l’edizione da 2GB di RAM, mentre si sale a 729,90 euro per quella da 4GB.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.