Si chiude il ciclo di vita del Samsung Galaxy Note 2? Annuncio ufficiale su Lollipop

Non sono particolarmente incoraggianti gli input che giungono proprio in queste ore dal popolare social network

14
CONDIVISIONI

Si era aperto uno spiraglio nelle scorse settimane per gli utenti in possesso di un Samsung Galaxy Note 2. Grazie ad un feedback da parte di Samsung Danimarca, infatti, era tornata la speranza di poter toccare con mano l’aggiornamento del sistema operativo Android Lollipop nonostante il device sia stato lanciato sul mercato ormai nel 2012.

Questa mattina ci ha pensato Samsung Italia a smorzare l’entusiasmo, alla luce di una nota a tutti gli effetti ufficiale apparsa all’interno della sua pagina Facebook. Ad un utente che ha chiesto quale fosse realmente la situazione in merito al rollout di Lollipop per il phablet di seconda generazione, l’azienda ha risposto per una volta senza troppi giri di parole:

“Ciao Domenico, ti confermiamo che attualmente non è previsto l’update per Galaxy Note 2, se ci dovessero essere notizie ovviamente le condivideremo con voi. Continua a seguirci!”.

Insomma, se il verdetto definitivo dovesse arrivare oggi, i margini per parlare del rilascio dell’aggiornamento Lollipop ottimizzato per il Samsung Galaxy Note 2 sarebbero praticamente uguali a zero e, a mio parere, nulla lascia pensare che le cose possano cambiare in futuro. Anche perché più passa il tempo, più diventa complicato pensare ad un aggiornamento pensato per uno smartphone che ormai ha quasi tre anni di vita.

Al dì là del raggio di luce che non molto tempo fa ci ha regalato Samsung Danimarca, ho sempre ritenuto praticamente impossibile che il Samsung Galaxy Note 2 potesse fare questo step. Al dì là di tutti gli aspetti tecnici della cosa, visto che il device potrebbe risultare compatibile con Lollipop agli occhi di qualcuno, a mio modo di vedere dal punto di vista commerciale una scelta simile avrebbe davvero poco senso per Samsung. Non credete anche voi?

Commenti (4):
Marco

Samsung è proprio scadente dal punto di vista dell’intelligenza, riempie i telefoni di programmi che sono duplicati di quelli già presenti in android solo per soddisfare il proprio ego, non aggiorna telefoni che potrebbero benissimo sopportare le nuove rom e fa di tutto per non permettere le custom rom…. Mi chiedo se facessero meno pubblicità, quanti di voi comprerebbero ancora un telefono samsung?!! Ci sono prodotti come moto g che danno filo da torcere a samsung che costano il triplo, me lo sapete spiegare questo?! Il note 2 con la fantastica penna era forse l’ultimo acquisto sensato per un samsung, ora gli auguro con tutto il cuore di fallire!!!!

Federico

Invece avrebbe proprio senso… specialmente in un momento difficile come questo. Il cliente và fidelizzato, coccolato e soddisfatto. Io sono un felice possessore del Note II… ma devo dire che le tempistiche di aggiornamento SW da parte di samsung sono a dir poco disastrose… ! ! ! !
Se dovessi cambiare telefono, non sapei se prendermi un note 4 proprio perchè nel lato SW so di imbattermi in grosse problematiche.
Al contrario, se samsung proprio per la sua eterna lentezza/ritardi sugli aggiornamenti, si decidesse di prolungare il tutto anche oltre i 18/24 mesi, sarebbe una bella iniziativa per fidelizzare i clienti.
Io stesso prenderei sicuramente un altro cell. Samsung se vedo che aggiornano il SW per un lungo periodo, fregandosene delle stupide leggi del mercato.
Al contrario, io sarei il primo a passare alla concorrenza… risparmiando parecchi biglietti verdi magari… con un bel one plus one…

Doctor_Feelings

Note 2 ha tutte le carte in regola per essere aggiornato a Lollipop. Si tratta semplicemente di marketing, non di poca o cattiva ottimizzazione. Le cooked room d’altronde parlano si esprimono da sole…

Mac

Infatti sono passato a Note4, sapendo bene che non lo avrebbero mai rilasciato e, se anche lo avessero fatto, sarebbe stato qualcosa di talmente male ottimizzato che alla fine, gli utenti scontenti, sarebbero comunque migrati.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.