Lollipop 5.1.1 sul Nexus 4, download di una versione stabile

Scopriamo i dettagli che potrebbero convincere diversi utenti a puntare senza remore su una ROM a dir poco convincente

4
CONDIVISIONI

Ore intensissime per tutti coloro che dispongono di uno smartphone appartenente alla famiglia dei Nexus, considerando che la presentazione ufficiale del nuovo sistema operativo Android M tocca da vicino, in prima istanza, proprio quegli smartphone che in questi anni sono stati concepiti in primis da Google. Anche il Nexus 4.

Quest’ultimo, tuttavia, merita un discorso a parte visto che in occasione del rilascio di ogni upgrade ci si chiede se il top di gamma lanciato nel corso del 2012 farà o meno quel passo. Il problema non si pone se sapete destreggiarvi bene nel mondo delle ROM, visto che negli ultimi giorni è stata lanciata in via ufficiale la nuova AOSP che consente non solo di toccare con mano il sistema operativo Android Lollipop 5.1.1, ma anche di avere ampie garanzie in termini di stabilità e fluidità del proprio Nexus 4.

Dettaglio non da poco, se si pensa che come accennato si parla di un modello che ha visto la luce nell’ormai lontano 2012. Se pensiamo che il Nexus 5 ha fatto emergere diverse lamentele con gli upgrade ufficiali, va da sé che avere ampie garanzie con il Nexus 4 tramite la suddetta ROM è aspetto non secondario.

Quanto ai punti di forza della ROM, il suo changelog parla chiaro:

  • App Ops

  • Ambient Display

  • Volume Rocker Wake

  • Reboot Menu

  • Lollipop Phone Icons

  • Headup Improvements

  • Dynamic Location and Cast Tiles

  • Lollipop Bootanimation

  • Excellent Battery Life

Non resta che lasciarvi allo specifico link al download, ricordando a tutti voi che la procedura è consigliato solo a coloro che in questi anni hanno maturato conoscenze tali da non mettere in discussione il corretto funzionamento di un modello come il Nexus 4 immergendosi in ROM come quella che vi ho presentato oggi. E voi avete già avuto modo di testare la rom AOSP?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.