Apple comunica uno stratagemma temporaneo contro il bug iMessage

In attesa che venga trovata una soluzione definitiva, Apple consiglia agli utenti come affrontare, con Siri, il bug che manda in crash iMessage

7
CONDIVISIONI

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato del bug che sta colpendo i sistemi iOS, al momento sembra solo le versioni 8.3, mandando in crash l’applicazione iMessage, ma da poche ore Apple ha ufficialmente spiegato come aggirare temporaneamente il problema in attesa del fix definitivo.

Ricordiamo che il crash avviene nel momento in cui l’utente riceve sul proprio iPhone uno strano messaggio contenente una sequenza specifica di caratteri arabi. All’apertura diretta del messaggio, l’applicazione si blocca immediatamente e non è più utilizzabile ed il telefono va in reboot. Se, invece, si tenta di aprire la conversazione dalla notifica, si potrà aprire il testo e leggerlo, ma poco dopo si presenterà comunque il crash.

Apple, come accennato, con una comunicazione ufficiale di stanotte ha dato alcune indicazioni per ovviare al problema e poter continuare ad utilizzare iMessage. I consigli dell’azienda sono i seguenti: innanzitutto, rivolgetevi a Siri e chiedete di aprire i messaggi non letti, dopodichè riutilizzate l’assistente vocale per replicare al messaggio malevolo. Una volta inviata la risposta, sarete nuovamente in grado di riaprire iMessage e tutte le conversazioni.
A questo punto, riattivata l’app effettuate uno swipe a sinistra per eliminare la conversazione oppure fate pressione sul messaggio, cliccate su “Altro” nel menu che si apre e poi su “Cancella”. Con questa procedura riuscirete a bypassare il bug.

La nota di Apple rilasciata qualche ora fa si conclude con una dichiarazione che rivela che l’azienda è ben cosciente dell’esistenza del bug che sta infettando gli iPhone dei suoi utenti e sta lavorando per trovare una soluzione definitiva. Sicuramente sarà rilasciata con il prossimo update del sistema operativo iOS.

Al momento non ha comunicato informazioni sulla data ufficiale di rilascio dell’aggiornamento, quindi per ora si può solo far ricorso a rimedi temporanei come quello suggerito o a gli altri non ufficiali trovati qualche giorno fa dagli utenti stessi (come l’autoinvio di una risposta tramite il proprio MacBook o farsi mandare un messaggio da un altro contatto in rubrica).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.