Rilasciato su Nexus 4 l’OTA dell’aggiornamento Android 5.1

Finalmente disponibile al download l'ota del'ultimo incrementale per l'ex googlefonino di punta

7
CONDIVISIONI

Il Nexus 4 si dimostra ancora una volta all’altezza della situazione, accogliendo l’ultimo aggiornamento ad Android 5.1 Lollipop. Sono passati più di due anni dalla sua commercializzazione, ma l’ex googlefonino di punta non vuol saperne di andare in pensione (visto che il suo hardware gli permette di essere ancora in prima linea, perché dovrebbe, del resto?).

In rete circola già la relativa release OTA, da poter forzare anche manualmente tramite una guida apposita (di cui ti forniremo le istruzioni a seguire, insieme al link al download diretto del pacchetto). La build in questione porta la sigla LMY47O, ancor più fresca di quelle degli altri Nexus che hanno già ricevuto l’update.

Potrai scaricare ed installare il pacchetto, che ha un peso di 174 MB, solo se viaggi già con la build LRX22C, questa è l’unica condizione necessaria.

Dopo di che, segui i passaggi di cui sotto:

  • scaricare il file dell’OTA con numerazione LMY47O
  • copiarlo nella cartella ‘sdk/platform-tools’, creata scaricando l’SDK
  • attivare il Debug USB sul device
  • collegare il Nexus 4 al PC e riavviarlo in modalità recovery (oppure spegnerlo e avviarlo in fastboot premendo contemporaneamente volume giù e power, per poi selezionare la modalità recovery con il bilanciere del volume, dando conferma con power)
  • quando compare l’icona di Android con punto esclamativo, premere volume su e power insieme per far comparire la recovery stock
  • selezionare apply update via adb
  • aprire una finestra di comando nel percorso platform-tool
  • digitare il comando adb sideload [percorso-del-file-intero-dove-avete-scaricato-l’ota-sul-vostro-pc-senza-parentesi-quadre.zip]
  •   reboot system per riavviare

Se hai eseguito le istruzioni alla lettera, ti ritroverai con un Nexus 4 correttamente aggiornato ad Android 5.1.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.