La Custom Recovery TWRP atterra su Samsung Galaxy S6 ed S6 Edge

La causa dei ritardi nel modding per S6 potrebbe essere il processore proprietario Exynos

36
CONDIVISIONI

Tra i dispositivi più in voga quest’anno c’è sicuramente il Samsung Galaxy S6, forse più chiaccherato per la versione S6 Edge con schermo curvo che per quella classica, ma sicuramente un terminale efficace se non fosse che, dal punto di vista del modding, fino ad ora si era visto ben poco fino ad ora, per fortuna la musica sta cambiando e lo si nota con l’arrivo della Custom Recovery TWRP.

Samsugn Galaxy S6 che, differentemente dall’HTC One M9, vede davvero magra la propria lista di ROM e Kernel moddati, eppure i due terminali sono stati rilasciati contemporaneamente.

C’è da dire che questa volta la personalizzazione TouchWiz è efficace, il software non troppo invasivo ed il terminale performante, quindi vengono a decadere gran parte dei motivi che portano gli utenti al passaggio ad una Custom ROM. Se a questo ci sommiamo la scelta di Samsung di sfruttare un processore proprietario, l’Exynos, allora l’impresa Custom Rom diventa ancora più difficile.

Ad ogni modo il passo verso il modding si accorcia con l’arrivo della Custom Rom TWRP, progetto opensource di Team Win, ora disponibile per il download e l’installazione.

Installazione già sperimentata anche sulla versione S6 Edge da molti utenti XDA, quindi nessun problema in merito (che ne dicano altri).

Installabile facilmente tramite Flashify richiede però il possesso dei diritti di root per proseguire con l’installazione.

Ricordiamo che i diritti di root per Samsung Galaxy S6 e Samsung Galaxy S6 Edge sono ottenibili facilmente con CF-AutoRoot, anche se è necessario precisare che, seppur non sia necessario un bootloader sbloccato per procedere con il rooting, la procedura invaliderà il bit Knox, quindi valutate attentamente se volete procedere.

Per effettuare il rooting è sufficiente avviare il terminale in download mode (VOL- & Accensione), a questo punto collegate il terminale al PC, aprite Odin (v 3.10.6), selezionate il file di CF-AutoRoot come AP ed iniziate il trasferimento.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.