L’interfaccia di Apple Watch sull’LG G3: ecco le prime impressioni

Si chiama Bubble Screenlock Launcher ed è l'app che consente di provare l'interfaccia di Apple Watch sui modelli Android. Ecco i dettagli

8
CONDIVISIONI

Abbiamo conosciuto solo poche settimane fa il nuovo Apple Watch, eppure oggi possiamo già sperimentare la sua interfaccia a bordo degli smartphone e tablet dotati del sistema operativo Android grazie ad un’applicazione già presente all’interno del Play Store. Sto parlando di Bubble Screenlock Launcher ed il suo download è gratuito per gli utenti interessati.

Disponendo di un LG G3 e incuriosito da questo progetto realizzato in tempi da record da parte degli sviluppatori, nella giornata di ieri ho deciso di provare il launcher, ben consapevole del fatto che non si tratti di una UI definitiva e che di conseguenza fosse reale il rischio di andare incontro ad un bel po’ di bug.

Detto questo, appena terminata la solita procedura con l’LG G3 mi sono ritrovato al cospetto di uno sfondo nero ed effettivamente dell’interfaccia che avevo ammirato in video durante le scorse settimane, poco dopo la presentazione del nuovo Apple Watch. La disposizione delle icone segue sì il concept pensato dal brand di Cupertino, ma la casualità della loro posizione ha messo a dura prova le mie capacità mnemoniche nel trovare quello che stavo effettivamente cercando.

Il bug più evidente in un’ora scarsa di utilizzo, in ogni caso, resta l’attivazione del display (non il suo sblocco, intendiamoci) anche quando non siamo a dargli degli input. Insomma, c’è ancora molto lavoro da fare da parte degli sviluppatori per rendere disponibile un launcher che possa essere utilizzato a lungo termine da coloro che dispongono di uno smartphone o un tablet Android, anche nel caso di un device evoluto come l’LG G3.

Ciò non toglie che possiate cominciare a sperimentare già da ora Bubble Screenlock Launcher e, per tale motivo, segnalo da subito il suo link al download. Fatemi sapere che ve ne pare.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.