BlackBerry, Samsung ed IBM al lavoro su un Tablet, parola chiave? Sicurezza

Il nuovo tablet permetterà, tramite tecnologia IBM, di separare completamente le app personali da quelle business

1
CONDIVISIONI

BlackBerry sarebbe al lavoro, insieme a Samsung ed IBM, su un tablet completamente permeato sulla sicurezza. Il suo nome? SecuTablet, non si può certo dire che sia un lavoro di fantasia.

Il prodotto sarà prezzato sull’ordine dei 2380$, che potrebbero divenire anche 2500€ nel caso in cui fosse commercializzato anche in Europa. Il dispositivo è basato sul Samsung Galaxy Tab S 10.5 ma implementerà la tecnologia Secusmart per il criptaggio dei dati, tecnologia di proprietà di BlackBerry dopo l’acquisiszione di Secusmart dello scorso Luglio.

La tecnologia Secusmart è il punto chiave di questo prodotto. Attualmente utilizzata già dai governi tedesco e canadese, permette di prevenire il furto di dati con un criptaggio molto molto efficace. Non è tutto, anche IBM entra nella produzione con software che permetterà all’utente di separare, in maniera del tutto sicura, le applicazioni per il lavoro e quelle personali, pur rimanendo sullo stesso dispositivo.

Eppure questa separazione non dovrebbe ridurre la facilità d’uso del terminale, o almeno è quanto ha dichiarato Hans-Christoph Quelle, CEO di Secusmart, affermando che il tablet dovrebbe essere alla portata di chiunque abbia già familiarità con il mondo Android.

Ricordiamo che il Samsung Galaxy Tab S 10.5, cui si ispirerà questo nuovo SecuTablet, è corredato da uno schermo 10.5 pollici SuperAmoled con risoluzione 2560 * 1600 ed una densità di pixel da 288ppi, un octa-core Exynos 5420 da 1.9Ghz ed una gpu Mali-T628 affiancati da 3 gb di ram e 32 gb di storage interno, oltre alla possibilità di estensione della memoria tramite microSD fino a 128gb.

Per quanto riguarda il reparto fotografico troviamo una fotocamera da 8mpx posteriore ed una da 2.1mpx anteriore.

Il tutto alimentato da una batteria da 7900mAh ed Android KitKat 4.4.2.

Un prodotto sicuramente molto interessante, peccato però che ancora non si sappia se verrà commercializzato o meno in Europa.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.