Samsung Galaxy S6 con corpo in metallo, trapelano nuove immagini

7
CONDIVISIONI

Come ogni anno i rumors sul nuovo arrivato di casa Samsung si espandono a macchia d’olio. Sul Samsung S6 ne son state dette davvero tantissime, talvolta senza nulla di concreto in mano ma solo congetture, questa volta, invece, c’è qualcosa di concreto.

Ciò che è certo è che Samsung con l’S6 cercherà di recuperare la fiducia andata persa in passato. Un muro contro cui sono già sbattuti con S5 e le sue scarsissime vendite.

Il Galaxy S6 sarà rivoluzionario per la casa coreana, un prodotto di qualità, nuovo design e resistente.

Tante le informazioni circolate sull’hardware sotto il cofano, ma questa volta ci arriva qualcosa di più concreto proprio sulla carrozzeria. Immagini trapelate parlano chiaro, la nuova scocca del Galaxy S6 sarà in metallo.

La foto rivela anche altre informazioni che ci erano state nascoste. Il layout di bottoni ed ingressi , ad esempio, è diverso. Sul lato destro troviamo quello che sarà presumibilmente il tasto di accensione, poco sotto, invece, l’ingresso per la MicroUSB.

Un jack da 3.5mm, un auricolare e quello che sembra essere lo spazio per il microfono, tutti nella parte inferiore.

Sul lato sinistro lo spazio per i pulsanti volume, mentre sulla parte superiore lo spazio per antenna e, presumibilmente, il sensore IR (raggi infrarossi) che permetterà di utilizzare il terminale come telecomando.

Il frame, come si può notare, avrà gli angoli arrotondati, un richiamo che a molti ha fatto pensare al Note 2, ad altri all’iPhone 6.

Rumors suggeriscono che lo schermo sarà un 5.5 pollici Amoled 1080p, con fotocamera da 20mpx e, soprattutto, un software leggero e prestante.

Niente più schifezze di sistema. Questa volta Samsung sembra faccia sul serio e abbia deciso di rinunciare alla pessima abitudine dei bloatware, decine di applicazioni a marchio samsung, pesanti e, talvolta, inutili ma non disinstallabili.

Un passo avanti quello di Samsung che fa ben sperare.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.